Mal di schiena, per sconfiggerlo bisogna smettere di fumare

mal di schiena

Fumatori, attenzione: se soffrite di mal di schiena dovreste abbandonare le vostre amate sigarette. Un gruppo di ricercatori guidato da Glenn Rechtine, esperto del Dipartimento di Ortopedia dell'Università di Rochester (Stati Uniti) ha infatti scoperto che smettere di fumare aumenta l'effetto delle terapie contro questo tipo di dolore.

Che il vizio del fumo fosse associato a dolori alla schiena e a problemi alle vertebre era un fatto già noto. Le conseguenze negative delle sigarette sulla schiena non finiscono, però, qui. Infatti il fumo riduce anche i benefici di eventuali interventi chirurgici e l'incidenza delle complicazioni post-operatorie. Allo stesso tempo, è noto che il fumo è un fattore di rischio per lo sviluppo di dolori cronici. La ricerca di Rechtine e collaboratori, pubblicata sul Journal of Bone and Joint Surgery, ha però dimostrato che i fumatori possono garantirsi qualche speranza di guarigione in più abbandonando il vizio, tanto che secondo i ricercatori

questo studio si pone a sostegno della necessità di programmi per smettere di fumare per i pazienti che soffrono di un disturbo spinale doloroso.


I ricercatori hanno analizzato una banca dati contenente informazioni su 5333 pazienti con problemi alla schiena, concentrando l'attenzione sia sui dolori registrati durante la terapia, sia sull'abitudine al fumo di ciascun individuo.

Ne è emerso che già all'inizio dei trattamenti i pazienti che non hanno mai fumato hanno a che fare con molto meno dolore rispetto a quelli che fumano e a chi smette di fumare durante la terapia. Chi fuma, invece, riferisce sintomi dolorosi più gravi rispetto a chi non ha mai fumato.

Non solo, in chi smette di fumare durante la terapia questa è più efficace, mentre chi continua a fumare non ottiene nessun miglioramento significativo del dolore durante i trattamenti. In ogni caso, i miglioramenti sono molto più significativi in chi non ha mai fumato.

Sappiamo che la nicotina aumenta il dolore

ha commentato Rechtine.

Se si smette di fumare durante il trattamento, si sta meglio. Se si continua a fumare, non c'è nessun miglioramento significativo dal punto di vista statistico, indipendentemente dal trattamento cui ci si sottopone. Il fumo è dannoso. In sostanza, la probabilità di migliorare la terapia – chirurgica o non-chirurgica – è drasticamente ridotta se si è un fumatore.

Via | EurekAlert!
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail