Un pomodoro al giorno contro la depressione

pomodoro

Il rischio di cadere in depressione può essere contrastato con un'arma totalmente naturale, il pomodoro. Secondo uno studio di un gruppo di ricercatori cinesi e giapponesi, pubblicato sul Journal of Affective Disorders, mangiare tutti i giorni un po' di pomodori riduce la probabilità di soffrire di depressione del 52%. Ma anche chi non è un appassionato di questi prodotti dell'orto può sfruttarne i benefici. Limitarsi a mettere 2 o 3 volte alla settimana il pomodoro nel piatto permette di ridurre del 46% il rischio di sviluppare questo disturbo.

In realtà gli autori della ricerca hanno valutato anche i potenziali benefici di altra frutta e verdura, ma solo i pomodori hanno rivelato queste proprietà preventive. Cavoli, carote, cipolle e zucca hanno, invece un effetto minimo, se non addirittura nullo, sul benessere psicologico. Il segreto del pomodoro è il suo elevato contenuto in licopene, la molecola che oltre a regalare a questo frutto il suo colore rosso protegge la salute di chi lo mangia con le sue proprietà antiossidanti.

I ricercatori asiatici hanno deciso di verificare se oltre a ridurre il rischio di sviluppare gravi malattie, come il cancro alla prostata e problemi cardiaci, il licopene potesse proteggere la salute psicologica. Per farlo hanno incrociato i dati sulla salute mentale di circa 1000 uomini e donne giapponesi dai 70 anni in su con quelli relativi alle loro abitudini alimentari.

I pomodori hanno, così, svelato la loro azione protettiva nei confronti della depressione. Non si sa, però, se l'effetto sia esercitato direttamente sul cervello o se derivi dal fatto che il licopene contrasta lo sviluppo di altre malattie (come il cancro) che sono spesso accompagnate da depressione.

Qualunque sia il meccanismo attraverso cui agisce, resta il fatto che secondo i ricercatori

una dieta ricca di pomodoro può avere un effetto benefico sulla prevenzione dei sintomi della depressione.

Via | Daily Mail
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail