Donne e osteoporosi, fumare nell'adolescenza aumenta il rischio

fumare nell'adolescenza

Fumare nell'adolescenza potrebbe esporre le ragazze a un maggior rischio di osteoporosi. A svelare questo legame è uno studio pubblicato dai ricercatori del Children's Hospital Medical Center di Cincinnati (Stati Uniti) sul Journal of Adolescent Health.

I ricercatori hanno reclutato 262 ragazze in buono stato di salute d'età compresa tra gli 11 e i 19 anni. Ogni anno, per 3 anni, le adolescenti sono state sottoposte a visite mediche per valutare il contenuto di minerali delle ossa e la loro densità. Al termine dello studio gli autori hanno scoperto che le ragazze che fumano di più accumulano meno minerali nella colonna vertebrale e nelle ossa delle anche durante la loro adolescenza.

La scoperta pone un nuovo accento sull'associazione tra fumo e osteoporosi. Infatti gli studi condotti in passato a tal proposito si sono concentrati su individui adulti, ma è durante l'adolescenza che le ossa accumulano il 50% dei minerali che conterranno.

Come ha spiegato Lorah Dorn, primo autore di questa nuova ricerca,

tanto osso è accumulato nei due anni intorno il primo ciclo mestruale di una ragazza quanto ne viene perso negli ultimi quattro decenni di vita.

Risulta, quindi, chiaro che non accumularne abbastanza durante l'adolescenza fa sì che in età adulta le ossa siano più esposte al rischio di osteoporosi, una malattia in cui la densità ossea si riduce, lo scheletro diventa più fragile e le fratture sono più probabili.

Secondo gli autori

questi risultati sono importanti per la prevenzione di osteoporosi e fratture in età più avanzata.

Tuttavia, sono gli stessi ricercatori a sottolineare i punti deboli dello studio, primo fra tutti il fatto che le ragazze coinvolte nello studio non assumevano le quantità raccomandate di calcio (minerale importante per la salute delle ossa) e non praticavano abbastanza attività fisica. Solo ricerche più ampie potranno chiarire se i risultati sono validi per tutte le adolescenti, per cui rimangono comunque validi gli altri buoni motivi per non fumare.

Via | EurekAlert!
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail