Non riesci a svegliarti la mattina? Ecco come scegliere la sveglia adatta a te

Non riesci a svegliarti la mattina? Ecco come scegliere la sveglia adatta a te

Riuscire a svegliarsi al mattino sembra sempre più un’impresa impossibile? Ecco come fare a scegliere la sveglia più adatta a voi!

Riuscire a svegliarsi al mattino non è semplice per tutti. Se è vero che da quando siamo in quarantena molte persone hanno subito un cambiamento nei propri ritmi, iniziando a svegliarsi molto più presto del solito, pur apparentemente senza ragione specifica, d’altro canto c’è anche chi trova ancora molto difficile riuscire ad alzarsi dal letto in tempo per andare a lavorare.

In diverse occasioni abbiamo parlato insieme dei tanti motivi che possono rendere complicato il momento del risveglio. Fra queste vi sono ad esempio la brutta abitudine di dormire con tablet, cellulare e tv in camera. Questi strumenti tecnologici sono infatti associati a una cattiva qualità del sonno, e a conseguenti difficoltà a svegliarsi al mattino. Inoltre, anche mangiare troppo o scegliere cibi poso sani potrebbe rovinare le nostre notti, e lo stesso vale per chi beve caffè o troppo vino a cena. Tutti questi fattori possono portarci a dormire male, quindi niente di strano se al suono della sveglia non abbiamo abbastanza energie per alzarci.

Ma se il problema fosse proprio la nostra sveglia? Oggi vogliamo darvi qualche consiglio per scegliere quella più adatta alle vostre necessità, una sveglia che renderà più facile alzarsi dal letto, e magari vi aiuterà a farlo anche con il piede giusto! Ecco dunque alcuni suggerimenti per voi!

Come scegliere la sveglia giusta

  • Pensate alla sostanza, e non all’apparenza: in commercio esistono tantissimi tipi di sveglie. Esiste persino la sveglia che corre in giro per la stanza, che per essere spenta vi costringerà ad alzarvi dal letto. Certo, si tratta di una trovata davvero buffa e per alcuni certamente efficace, ma non tutti hanno voglia di correre dietro a una sveglia al risveglio (né durante il resto della giornata). Alle sveglie dall’aspetto divertente o originale, preferite quelle con funzionalità davvero utili. Evitate ad esempio di scegliere una sveglia con un pulsante “off” difficile da trovare.
  • Scegliete una sveglia che non emani troppa luce, soprattutto se si tratta di luce blu, che potrebbe avere un effetto stimolante e impedire un buon sonno. Optate invece per una sveglia dai colori più delicati, come l’ambra, l’arancione e così via.
  • Scegliete delle sveglie con funzionalità extra, come ad esempio la vibrazione (per un effetto ancor più incisivo), o l’illuminazione graduale, in modo da riprodurre l’effetto del sole che sorge.
  • Scegliete una sveglia che comprenda diversi suoni, in modo da avere delle opzioni adatte a voi. Personalmente devo dire, ad esempio, che non amo svegliarmi con la radiosveglia, perché sentire all’improvviso la voce di uno speaker che interrompe il mio sonno è piuttosto “traumatico” (per me ovviamente), quindi opto sempre per sveglie meno invadenti, come la musica di un pianoforte ad esempio. Probabilmente potreste trovarvi bene con una sveglia con un volume crescente, che diventa più forte con il passare dei minuti.

Foto di Icons8_team da Pixabay

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog