Con la fecondazione assistita sarà ora possibile la diagnosi pre-impianto

fecondazione assistita

La diagnosi pre-impianto per la fecondazione assistita sarà ora possibile. Il Tribunale di Cagliari, infatti, ha emesso una prima storica sentenza in questo campo, concedendo ad una coppia talassemica di poter fare una diagnosi prima di avviari la procedura della fecondazione artificiale. E non sarebbe l'unico tribunale pronto ad accogliere alcune sentenze della Corte di Strasburgo, che potrebbeo modificare le attuali leggi italiane in materia.

Da quando è entrata in vigore la Legge 40 sulla fecondazione assistita non era mai stata pronunciata una sentenza del genere, che ci arriva da Cagliari. Qui il tribunale ha concesso ad una coppia (lei malata di talassemia major e lui portatore sano) di poter eseguire presso l'ospedale Microcitemico di Cagliari un test specifico per sapere se l'embrione che hanno ottenuto con le procedure di procreazione medicalmente assistita è affetto o meno dalla stessa patologia della quale soffrono i genitori.

Il giudice del Tribunale di Cagliari ha stabilito che i centri pubblici italiani di Pma devono offrire la diagnosi pre-impianto a tutte quelle coppie affette da malattie genetiche che chiedono di ricorrere al test. Così si accoglie la sentenza della Corte Europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo dello scorso mese di giugno: i giudici in quell'occasione avevano accolto il ricorso di una coppia italiana contro la legge 40 del 2004 sulla fecondazione assistita.

Secondo l'Associazione Luca Coscioni la legge corregge la situazione italiana, mentre Emma Bonino sottolinea che questa nuova sentenza, la numero 19 in merito, dimostra che quella legge non va bene fatta in quel modo:

Si tratta di una specie di via crucis infinita che dimostra come la legge 40 sulla procreazione medicalmente assistita sia una legge ideologica

.

Pronti già altri ricorsi di coppie italiane alle quali in passato era stata negata la diagnosi pre-impianto per la fecondazione assistita.

Foto | Getty Images

Via | Corriere

  • shares
  • Mail