L'ormone della fedeltà si chiama ossitocina

ormone della fedeltà

Potrebbe sembrare strano, ma sembra proprio che l'ormone della fedeltà sia quella stessa ossitocina che potrebbe aumentare la libido maschile. Un gruppo di ricercatori guidato dagli esperti dell'Università di Bonn (Germania) ha condotto dei test per verificare se fosse possibile diminuire la “distanza sociale” (lo spazio che normalmente due persone mantengono quando interagiscono di persona) somministrando agli uomini questo ormone, rilasciato anche durante i rapporti sessuali, sotto forma di spray nasale. Il risultato ottenuto è stato, però, opposto rispetto a quanto atteso dagli scienziati e gli uomini sentimentalmente impegnati che hanno ricevuto l'ossitocina si sono mostrati più fedeli rispetto agli altri.

L'esperimento è stato descritto sulle pagine del Journal of Neuroscience: dopo aver ricevuto l'ossitocina o un placebo, 57 uomini sono stati messi in presenza di una donna attraente, dimostrando che l'ossitocina agisce come una sorta di “ormone della fedeltà”. Dopo averla assunta, infatti, gli uomini “occupati” hanno aumentato la distanza dalla “provocatrice”, mentre i single e il gruppo trattato con il placebo si sono mostrati più suscettibili al fascino della donna.

Il test è stato ripetuto mostrando ai partecipanti fotografie di una donna attraente e offrendo loro la possibilità di ingrandirle. Anche in questo caso l'effetto dell'ossitocina è stato confermato: gli uomini “occupati” che hanno ricevuto l'ormone hanno ingrandito l'immagine più lentamente rispetto ai single.

René Hurlemann, coordinatore della ricerca, ha spiegato che

già precedenti studi hanno dimostrato che l'ossitocina gioca un ruolo nell'aumentare la fedeltà tra gli animali.

Questa ricerca è, però, la prima a dimostrare che questo ormone regola la fedeltà anche tra gli esseri umani.

Via | EurekAlert!
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail