Come riconoscere i sintomi dell'infarto, formicolio e pressione

pressione infarto

L'infarto del miocardio avviene quando il flusso di sangue che di solito è diretto ad una parte del muscolo cardiaco si ferma: in questi casi si parla di attacco cardiaco, che se preso in tempo non danneggia il cuore, altrimenti si possono verificare problemi anche seri per la mancanza di ossigeno. Per essere efficace il trattamento deve essere iniziato ad un'ora dalla comparsa dei sintomi.

Ma quali sono i sintomi dell'infarto? Non tutte le persone lamentano gli stessi indicatori di un attacco cardiaco in corso. Esistono, infatti, moltissimi sintomi, come ad esempio il formicolio o il dolore al braccio sinistro, che non vengono però percepiti da tutti i pazienti colpiti da infarto del miocardio. Vediamo insieme quali sono i più comuni che possono accendere un campanello di allarme.

Sicuramente il sintomo più comune dell'infarto è il dolore al petto: la maggior parte dei pazienti lamenta, infatti, un fastidio proprio all'altezza del cuore, una fitta che va e viene e dura per qualche secondo. E' come se qualcuno schiacciasse a livello del cuore. Solitamente questo fastidio si estende poi alla spalla, al braccio, alla schiena e può anche interessare i denti e la mandibola.

L'infarto è spesso accompagnato, poi, da fatica a respirare, mancanza di fiato, sudorazione, senso di stanchezza acuto, nausea e vomito. Il paziente può anche perdere coscienza per qualche minuto. Molte persone possono anche lamentare una sorta di bruciore di stomaco, capogiri e riportare casi di cute umida.

Infine, dobbiamo ricordare che l'infarto può manifestarsi improvvisamente e in maniera veloce o, al contrario, può manifestarsi lentamente. E ci sono anche pazienti che non hanno riportato nessuno dei sintomi sopra riportati.

Imparare a riconoscere i segni dell'infarto è molto importante, perché un intervento tempestivo dei medici può salvare la vita: prima si inizia il trattamento per curare un attacco di cuore, meglio è!

Foto | Getty Images

Via | Farmaco e cura

  • shares
  • Mail