L'ipnosi funziona anche contro la paura del dentista

dentista

Quella del dentista è una delle paure più diffuse, ma oggi anche chi teme l'appuntamento più di qualunque altra cosa al mondo potrebbe trovare sollievo nell'ipnosi. A promuovere questo approccio sono gli esperti del Milton H. Erickson Insitute di Torino, che spiegheranno tutti i vantaggi dell'ipnosi sulla poltrona del dentista durante il congresso nazionale della Società Italiana di Endodonzia (SIE) che si svolgerà a Bologna dall’8 al 10 novembre.

Secondo gli esperti il 75% dei pazienti è spaventato dall'idea di doversi far mettere le mani in bocca e il 15% sperimenta una vera e propria forma di ansia. Va ancora peggio ad un altro 20% di persone, che addirittura sviluppa sintomi somatici. L'ipnosi, però, sembra poter rilassare a tal punto da permettere ai dentisti di lavorare anche sui denti del paziente più terrorizzato.

La tecnica utilizzata è la cosiddetta metodica conversazionale, che permette al paziente di continuare a parlare attivamente con il medico dopo essere entrato in una trance che, normalmente, sarebbe considerata superficiale, ma che in realtà permette di svolgere il lavoro nonostante la paura.

Il paziente, spiega il Dott. Giancarlo Di Bartolomeo, odontoiatra, psicoterapeuta e Direttore del Milton H. Erickson Institute,

è quindi sempre cosciente, vigile e in grado di rispondere prontamente all’odontoiatra. Viene semplicemente guidato in uno stato di rilassamento tale da rendere notevolmente più agevole e proficuo il lavoro nel cavo orale.

Quando chi è seduto sulla poltrona si trova in questo stato è possibile diminuire significativamente l'aspettativa e la percezione del dolore e abbreviare, così, i tempi di lavoro.

A trarne i maggiori benefici è chi ha un intenso riflesso faringeo e chiunque soffre di fobia del dentista (sia bambini, sia adulti), magari a causa di brutte esperienze precedenti, ma anche lo stesso medico, che può lavorare in maggiore tranquillità. Benefici, insomma, a 360 gradi.

Via | Milton H. Erickson Insitute
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail