I disturbi del sonno ai tempi del Covid-19

I disturbi del sonno ai tempi del Covid-19

I disturbi del sonno causati dal Covid-19 hanno peggiorato il riposo di quasi metà degli italiani.

I disturbi del sonno sono stati uno degli effetti collaterali della pandemia da Coronavirus, ne hanno sofferto in tanti e in linea generale si dorme un po’ meno rispetto a qualche mese fa. Si dorme poco, si fa fatica ad addormentarsi e si ha un sonno agitato e non sereno, gli effetti del Covid-19 non sempre si riescono a gestire e per molti italiani si presentano con l’insonnia. Un disturbo davvero fastidioso e di non facile soluzione.

A fare una ricerca sui disturbi del sonno degli italiani nel periodo del Coronavirus ci ha pensato Assirem Ets, l’associazione Italiana per la ricerca e l’educazione nella Medicina del Sonno. Lo studio ha analizzato ogni fase del dormire, dalle ore effettive di sonno alla qualità, passando per il periodo in cui si cerca di prender sonno.

Negli ultimi mesi gli italiani vanno a letto 1-2 ore più tardi, e si svegliano anche 1 – 2 ore dopo, ma con una tendenza a dormire un po’ meno. Aumenta il tempo che si impiega a prendere sonno che passa da 15 minuti fino a oltre un’ora.

È stata analizzata anche la qualità del sonno percepita dalle persone, prima del Covid-19 era “molto buona” per il 17% degli intervistati e adesso è passata all’8,2%, era invece “abbastanza buona” per il 64,9% e adesso è scesa al 39,6%. La qualità del sonno giudicata “abbastanza cattiva” è stata scelta dal 37,2% del campione, mentre prima era così solo per 16,1%. E per finire il 15% giudica la qualità del sonno “molto cattiva”, mentre prima solo il 2% delle persone la viveva così male.

Raffaele Ferri, il Presidente Assirem Ets, ha spiegato:[quote layout=”big” cite=”Raffaele Ferri] “L’indagine fornisce spunti interessanti di approfondimento evidenziando un trend di peggioramento che va monitorato e seguito con attenzione per prevenire possibili conseguenze a lungo termine sulla salute delle persone e la cronicizzazione di alcuni di questi disturbi”.
[/quote]

Via | ansa
Foto | Pixabay

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog