Benessereblog Salute Germi e batteri: ecco dove vivono e prolificano dentro casa

Germi e batteri: ecco dove vivono e prolificano dentro casa

La maniglia delle porte, l’impugnatura del frigorifero o il telecomando della televisione: sono questi i posti in cui vivono e stazionano più a lungo i germi. Lo dimostra uno studio condotto presso l’Università della Virginia su persone colpite dal rhinovirus che è responsabile per circa la metà di tutti i raffreddori. A loro è stato […]

Germi e batteri: ecco dove vivono e prolificano dentro casa

La maniglia delle porte, l’impugnatura del frigorifero o il telecomando della televisione: sono questi i posti in cui vivono e stazionano più a lungo i germi.

Lo dimostra uno studio condotto presso l’Università della Virginia su persone colpite dal rhinovirus che è responsabile per circa la metà di tutti i raffreddori. A loro è stato chiesto di indicare i dieci posti che avevano toccato più spesso nelle loro case nel corso delle ultime 18 ore.

I ricercatori hanno poi sottoposto a test i vari posti indicati tra cui la saliera e la pepiera, le maniglie delle porte e dei frigoriferi, gli interruttori della luce, i telecomandi, i rubinetti del bagno, i telefoni e così via. Ne è emerso che i germi vi stazionano a lungo, fino a due giorni di seguito! Come dire il contagio è inevitabile.

E allora che fare? Poiché non è ipotizzabile girare per casa con i guanti, qualche consiglio pratico può servire:

  • insaponarsi bene le mani per almeno 15 secondi con sapone naturale che si è rivelato molto più efficace contro i batteri rispetto agli usuali prodotti anti-batterici
  • evitare il più possibile i luoghi in cui si concentrano i germi menzionati prima in cui è stata rilevata una forte concentrazione di amilasi, un enzima che è spesso un fattore di contaminazione proveniente dai fluidi corporei.
  • Mangiare in modo salutare e dormire il giusto numero di ore.

Via | Finding Dulcinea
Foto | Flickr

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Ipocondria, sintomi della paura delle malattie
Malattie

L’ipocondria è un disturbo psicologico caratterizzato dalla persistenza di preoccupazioni eccessive e immotivate riguardo alla propria salute. I sintomi includono la costante ricerca di rassicurazioni mediche, la convinzione di avere una malattia grave nonostante la mancanza di prove concrete, e la difficoltà nel riconoscere che i sintomi fisici siano causati da ansia o stress. Può influire negativamente sulla qualità della vita e portare a una serie di problemi psicologici e sociali.