Cosa mangiare per sconfiggere la ritenzione idrica

Il peso è entro i limiti, ma la figura non è armonica: sul corpo compaiono antiestetici gonfiori, specialmente sulle gambe, sui fianchi e sull’addome. Si tratta di ritenzione idrica, un disturbo che colpisce anche chi non ha problemi di linea. Ridurre al minimo il sale aggiunto negli alimenti. Questo il primo passo senza il quale rischiate di vanificare la vostra lotta. Secondo passo bere tanto ma non tantissimo, l'eccesso potrebbe scatenare l'effetto opposto. Un litro e mezzo al giorno sembra essere l'ideale senza grandi differenze tra minerale e oligominerale.

Prima che il problema diventi cronico, e più difficile da risolvere, una grossa arma per risolverlo, viene da erbe e ortaggi comuni. Utili per dare il via a una depurazione profonda dell’organismo che riduce gradualmente, in modo naturale, l’accumulo dei liquidi a livello dei tessuti. Cipolla, finocchio, aglio, origano, peperoncino e prezzemolo, danno risultati evidenti. Consumate a tavola, usate come ingrediente di tisane o applicate localmente mostrano una sorprendente efficacia. In più sono tutti i rimedi facili da reperire anche sotto forma di estratto fluido o di tintura madre, da utilizzare sotto consiglio del farmacista ed erborista.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail