Cibo, fitness e web tra gli hobby degli italiani durante il Lockdown

Cibo, fitness e web tra gli hobby degli italiani durante il Lockdown

Come hanno passato, gli italiani, la Fase 1? Ecco gli interessi ai quali si sono dedicati durante il soggiorno forzato in casa

Curiosi di sapere cosa abbiano fatto gli italiani costretti in casa durante la quarantena? Ce lo svela l’indagine condotta da Weborama.

Tra gli interessi che hanno caratterizzato maggiormente il lockdown ci sono stati, neanche a dirlo, cucina, sport e web. Chiusi in casa, dopo un periodo di disorientamento generale e con così tanto tempo libero a disposizione (come forse non ne hanno mai avuto), gli italiani hanno dovuto ingegnarsi.

Se molti hanno scoperto o ritrovato una passione per la cucina, altri si sono dedicati alla forma fisica. Nell’uno e nell’altro caso, il comune denominatore è stato il Web, che non solo hanno spesso sfruttato come tramite, ma che ha rappresentato motivo di interessamento ad App, tools e risorse varie. Grazie a questi hanno potuto, ad esempio – esattamente come gli studenti – seguire le più disparate lezioni online, da quelle di panificazione a quelle di pilates. Sempre tramite il Web hanno fatto aperitivi, festeggiato compleanni, partecipato a corsi di formazione e riunioni di lavoro. Tantissimi hanno anche lavorato sfruttando lo smart working.

Le lezioni di cucina occupano il primo posto nella classifica delle attività più ricercate nel web durante la Fase 1: i loro risultati sono rimbalzati – sottoforma di foto più o meno professionali – tra le pagine social dei profili Facebook ed Instagram.

Zoom è stata la piattaforma più utilizzata per assistere a lezioni di cucina. Una curiosità: la ricetta più preparata in quarantena è stata quella di un dolce, l’intramontabile tiramisù. Solo al secondo posto, a sorpresa, si è piazzata la pizza.

Ad accompagnare il cibo c’è stato, di pari passo, il fitness (probabilmente per ragionevole la paura di ingrassare). L’interesse nei confronti dell’allenamento l’ha fatta da padrone così come le lezioni che molte palestre hanno trasferito dalla sala pesi direttamente online. In particolare, chi si è allenato in solitaria ha sfruttato maggiormente Facebook ed Instagram, chi ha preferito il gruppo, invece, FaceTime, Zoom e Skype. Tra le discipline più popolari durante il lockdown, complice forse anche lo stato d’animo generale del periodo, c’è stato lo Yoga. Un cenno merita, infine, l’exploit di Telegram, piacevole sorpresa per molti.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog