Chirurgia estetica: aumento dei ritocchini con lockdown e smart working

Aumento del 20% per quello che riguarda gli interventi di chirurgia estetica: lockdown e smart working cosa c'entrano?

Chirurgia estetica

I ritocchini di chirurgia estetica sono aumentati del 20%. Il chirurgo plastico Paolo Santanchè già ad aprile parlava di un trend positivo quando gli ambulatori chirurgici avrebbero riaperto. A distanza di qualche tempo dall'inizio della fase 3 dell'emergenza sanitaria in corso per combattere il Coronavirus. All'Adnkronos Salute l'esperto sottolinea che non ha ancora fatto alcun calcolo, ma può stimare un aumento del 20% delle richieste di interventi di chirurgia estetica.

Dopo i mesi del lockdown e della reclusione, c'è chi vuole lasciarsi alle spalle un periodo difficile. Anche eliminando quei segni del tempo che non abbiamo potuto curare quando tutto era chiuso per combattere l'infezione da Covid-19. Ma anche il fatto che la maggior parte delle persone lavora ancora in smart working può giocare un ruolo fondamentale in questa ripresa incredibile del numero di richiese.

Per molte persone il lockdown con smart working ha avuto come risvolto positivo la possibilità di risparmiare i soldi che prima se ne andavano fra spostamenti, mezzi di trasporto o pranzi di lavoro.

Il lavoro agile che molte persone permette, poi, secondo l'esperto aiuta chi da tempo voleva farsi un ritocchino a pensare di farlo sul serio, grazie alle possibilità che lo smart working dà.

L'ufficio in casa consente di proseguire la normale attività anche nel periodo di convalescenza post-intervento.

Ma quali sono le richieste maggiori? Sicuramente filler e botulino guidano la lista dei ritocchini prediletti dagli italiani per recuperare soprattutto il tempo perso. Poi sono arrivati interventi al naso, al seno, alle palpebre, ma anche lifting e liposuzione.

A sorpresa sta forse andando meglio di prima del Covid. Da sempre i piccoli o grandi interventi di chirurgia estetica sono stati spesso utilizzati come 'catarsi' dopo un brutto periodo: un lutto, una separazione, un divorzio. Dopo quello che abbiamo vissuto gente ha bisogno di voltare pagina - ragiona il medico - e fare qualcosa per se stessi e per il proprio aspetto aiuta psicologicamente.

Foto di CHRIS carroll da Pixabay

Via | Adnkronos

  • shares
  • Mail