Alcool e aborto, il rischio aumenta dell'8% per ogni settimana di consumo

Il rischio di aborto aumenta dell'8% per ogni settimana consumo di alcool dopo il concepimento.

Alcool e aborto

Bere alcool in gravidanza è pericoloso per il bambino. Non ci sono scuse, non ci sono dosi o tipologie di alcolici non dannose, l’alcool fa aumentare di molto il rischio di aborto e anche di complicazioni nella gravidanza. Uno studio condotto dai ricercatori della Vanderbilt University ha calcolato esattamente i rischi che corre una donna in gravidanza che beve alcolici. L’assunzione di alcool tra la quinta e decima settimana di gravidanza aumenta il rischio di aborto spontaneo dell'8%.

Lo studio è stato pubblicato sull'American Journal of Obstetrics e fa capire il reale pericolo che un bicchiere di vino, un cocktail o una birra possono avere mentre si è in dolce attesa. Lo studio ha analizzato il momento, la quantità e il tipo di alcol e come questi fattori influenzano il rischio di aborto nelle prime 20 settimane. Quello che è emerso è che i rischi maggiori si corrono nelle prime nove settimane e che a determinare il pericolo, è l’assumere alcool, indipendentemente dalla quantità e dal tipo di alcolico.

La ricerca è stata condotta su un campione di 5353 donne ed è stato analizzato dopo quanto tempo dal test positivo hanno smesso di assumere alcolici. Chi ha smesso ancor prima del concepimento aveva il minor rischio di aborto. In media le donne hanno interrotto il consumo di alcool a 29 giorni dal concepimento ma c’è da dire che forse questo dato è influenzato dal fatto che non tutte le partecipanti stavano cercando un bambino. Il 41% delle donne ha cambiato abitudini nell’arco di 3 giorni dal risultato positivo del test di gravidanza.

Katherine Hartmann, coordinatrice dello studio, ha spiegato:

“Astenersi dall'alcol durante il concepimento o nella gravidanza è raccomandato da tempo per molte ragioni. Tuttavia, modeste quantità consumate sono spesso considerate come sicure. Per questo motivo i nostri risultati sono allarmanti. Nessuna quantità può essere raccomandata come sicura quando si tratta del rischio di aborto”.

Katherine Hartmann

Dobbiamo svincolarci dall’idea errata che bere poco non faccia nessun danno o che alcuni alcolici “leggeri” siano innocui perchè non è assolutamente così.

Foto | iStock
Via | ansa

  • shares
  • Mail