Come scegliere il perfetto coinquilino

lettoC'è un metodo anche per questo, ebbene sì. Scegliere il perfetto coinquilino non è solo questione di fortuna, come sostengono due studiose dell'Università del Michigan. Non dipende infatti dal coinquilino che scegliamo, ma "dal nostro rapporto con lui".

"Il nostro studio - assicura la ricercatrice - mostra che si può davvero instaurare una relazione positiva, che trasformi il perfetto estraneo che divide con noi la camera o la casa in un amico".

Le due hanno studiato 65 coppie di coinquilini, formati a caso per la ricerca, e hanno notato un graduale miglioramento delle relazioni con il passare del tempo ("il 32% degli studenti diceva di sentirsi spesso o sempre solo, contro il 17% del totale alla fine del monitoraggio"). I ragazzi che si erano trovati meglio con il coinquilino "casuale" erano quelli assegnati al gruppo deie meno "egocentrici", dei tipi psicologici più attenti e sensibili agli altri rispetto all'altro gruppo, molto concentrato sui propri bisogni e sulla propria immagine.

Via | Adnkronos
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: