Figli con autismo: gli animali domestici riducono lo stress dei genitori

Avere un animale domestico migliora la vita dei genitori con figli autistici. La conferma arriva da questo nuovo studio.

animali domestici

Avere un animale domestico migliora la vita dei genitori con bambini autistici. A suggerirlo è un nuovo studio condotto dai membri della University of Missouri, i quali spiegano che, soprattutto in questo particolare periodo, i genitori di bambini con autismo riportano in media livelli di stress più elevati rispetto a quelli con figli che non presentano questa malattia.

Tuttavia, gli autori hanno scoperto che gli animali domestici hanno la capacità di ridurre lo stress sia nei bambini che nei loro genitori. Per giungere a questa conclusione, gli esperti hanno esaminato un campione di più di 700 famiglie, cercando di valutare i benefici di avere un cane o un gatto in casa.

Ebbene, gli autori hanno scoperto che, nonostante le responsabilità dovute alla cura degli animali domestici, sia i bambini con autismo che i loro genitori hanno instaurato un forte legame con gli animali domestici. Inoltre, i genitori che avevano più pets in casa avrebbero riportato maggiori benefici.

Dato che le caratteristiche del disturbo dello spettro autistico sono così ampie, può essere difficile identificare gli interventi benefici. Alcune delle principali sfide che i bambini con autismo affrontano includono l'ansia e la difficoltà di comunicare. Dato che gli animali domestici possono aiutare ad aumentare l'interazione sociale e a ridurre l'ansia, abbiamo scoperto che non sono solo utili nel fornire conforto e sostegno ai bambini con autismo, ma anche ai loro genitori.


Figli con autismo: quale animale domestico scegliere?


Gli esperti tengono però a specificare che la scelta dell’animale domestico andrà fatta tenendo in considerazione le opinioni del bambino. Per i genitori che stanno valutando di aggiungere un animale domestico alla propria famiglia si consiglia dunque di includere il bambino nella decisione, e di assicurarsi che il livello di attività dell'animale sia adeguato a quello del bambino.

Alcuni bambini con autismo hanno sensibilità specifiche, quindi un cane grande e rumoroso che è molto attivo potrebbe causare un sovraccarico sensoriale per un bambino, mentre un gatto silenzioso potrebbe adattarsi meglio.

Foto di Pexels da Pixabay
via | ScienceDaily

  • shares
  • Mail