Coronavirus: la festa virtuale per la nonnina siciliana che festeggia 100 anni in ospedale

Una nonnina siciliana ha festeggiato 100 anni al Covid Hospital del Policlinico "G. Martino" di Messina ma il personale l'ha aiutata a "incontrare" i suoi parenti con una videochiamata.

Coronavirus festa virtuale nonnina siciliana 100 anni in ospedale

Una nonnina siciliana ha festeggiato i suoi 100 anni in un letto del Covid Hospital del Policlinico "G. Martino" di Messina, un giorno speciale che ha potuto condividere, per adesso solo virtualmente, con i suoi familiari. Il suo compleanno lo aveva sicuramente immaginato in modo diverso, ma purtroppo la signora che era ospite nella casa di riposo "Come d'incanto" ha contratto il Covid-19 ed è stata ricoverata in ospedale domenica scorsa.

Il personale dell’ospedale di Messina ha aiutato la signora a mettersi in contatto con i parenti e tramite dei tablet, donati da un'azienda e messi a disposizione dei pazienti, hanno fatto una videochiamata. La signora ha potuto così vedere il figlio, la nuora e i nipoti, le hanno fatto gli auguri e si sono stretti tutti intorno alla nonnina, come ogni famiglia fa in queste occasioni speciali. C’è stata tanta commozione per la signora e per il personale del reparto che, almeno per stavolta, ha pianto lacrime di gioia e tenerezza.

Giuseppe Laganga, il direttore generale dell'azienda ospedaliera, ha dichiarato:

"La signora rappresenta il simbolo dei nostri sforzi per contrastare l'epidemia. Una battaglia in cui non intendiamo lasciare indietro nessuno, nella quale non vogliamo nemmeno prendere in considerazione ipotesi, come quella secondo cui dovremmo essere costretti a scegliere chi salvare e chi no".

Giuseppe Laganga

È davvero triste vedere tanti contagi nelle case di riposo e nelle rsa, luoghi dove i pazienti non hanno modo di difendersi e prevenire nulla e dove il virus si propaga velocemente e colpisce le fasce più deboli e ad alto rischio.

Ci uniamo anche noi ai festeggiamenti per la signora e speriamo che possa guarire e tornare presto a casa.

Via | Ansa

  • shares
  • Mail