La curcuma ha proprietà antitumorali?

La curcuma ha davvero delle proprietà antitumorali? Ecco cosa emerge da una nuova ricerca.

curcuma

La curcuma è conosciuta per via delle sue potenziali proprietà benefiche per la salute. La sostanza contenuta in questo ingrediente che più interessa i ricercatori è senza dubbio un polifenolo chiamato diferuloilmetano, meglio noto come curcumina. La maggior parte delle ricerche sull’argomento hanno analizzato i potenziali effetti benefici di questa sostanza, ed hanno confermato la sua capacità di combattere una serie di sintomi e condizioni, come l’infiammazione, la sindrome metabolica, l’artrite, le malattie del fegato, malattie neurodegenerative e molte altre.

Ma la curcumina ha anche delle proprietà antitumorali? A cercare di rispondere a questa domanda è un nuovo studio pubblicato sulle pagine della rivista Nutrients, i cui gli autori si sono concentrati principalmente sui percorsi di segnalazione cellulare che svolgono un ruolo nella crescita e nello sviluppo del cancro, e su come la curcuma possa influenzare tali percorsi.

Curcuma: le proprietà anticancro


Gli autori hanno prestato particolare attenzione alle ricerche che riguardavano il cancro al seno, il cancro ai polmoni, i tumori del sangue e quelli del sistema digestivo, ed hanno constatato che la curcumina rappresenta un candidato promettente come farmaco antitumorale efficace, da impiegare da solo o in combinazione con altri farmaci.

La curcumina sembra essere infatti in grado di influenzare diverse molecole che svolgono un ruolo nello sviluppo del cancro, ma nonostante queste ricerche siano promettenti, sono comunque necessari ulteriori studi per fare maggiore chiarezza. Questo perché i lavori che hanno testato le proprietà antitumorali della curcuma o della curcumina nell'uomo sono pochi e la maggior parte di questi sono su piccola scala.

Nonostante ciò, gli autori ritengono che la curcumina appartenga al gruppo più promettente di

composti naturali bioattivi, in particolare nel trattamento di diversi tipi di cancro. La curcumina non è però immune da effetti collaterali, come nausea, diarrea, mal di testa e feci gialle. Inoltre, ha mostrato una scarsa biodisponibilità a causa del basso assorbimento, del metabolismo rapido e dell'eliminazione sistemica che ne limitano l'efficacia nel trattamento delle malattie.

Sono dunque necessari ulteriori studi sull'uomo per confermare la curcumina come sostanza antitumorale efficace.

via | MedicalNewsToday
Foto da Pixabay

  • shares
  • Mail