Virus invernali per 1,2 milioni di bimbi sotto i 6 anni

Influenza, virus invernali e acciacchi vari sono in arrivo per 1,2 milioni di bambini tra i 6 mesi e i 6 anni.

virus bambini

I virus invernali sono in arrivo, in questi giorni di freddo i più colpiti sono purtroppo i bambini. 1,2 milioni di bambini italiani tra 6 mesi e 6 anni dovranno fare i conti con febbre, vomito, diarrea, tosse, raffreddore e mal d’orecchio, acciacchi stagionali ma non per questo poco fastidiosi.

I bambini sono colpiti principalmente dai virus influenzali o simil-influenzali e devono combattere tosse e raffreddore, mal di gola o d'orecchie, con tempi di recupero e guarigione che possono essere anche abbastanza lunghi. Non mancano all’appello neanche i disturbi a carico dell’intestino: di solito si comincia con il vomito a cui seguono diarrea, nausea, inappetenza e mal di pancia. Anche la febbre può rivelarsi persistente e fastidiosa, si dovrebbe aggirare su temperature medio alte, 38 – 39°.

Purtroppo queste patologie devono fare il loro corso, i bambini possono essere aiutati con dei farmaci ma evitando sempre di esagerare e mescolare troppe cose, soprattutto se sono molto piccoli. Una cosa a cui bisogna fare molta attenzione è la disidratazione: vomito e diarrea possono disidratare i bambini (come anche gli adulti) e anche la febbre alta e il sudore. Per questo motivo è importante assicurarsi che bevano a sufficienza, magari dando acqua a piccoli sorsi, con il biberon o con un cucchiaio.

Il pediatra Italo Farnetani ha spiegato:

“La situazione è piuttosto critica: possiamo stimare ad oggi 1,2 milioni di bambini italiani tra 6 mesi e 6 anni malati per colpa dei virus invernali. Questo è un periodo nero per i piccoli e ad essere particolarmente colpiti sono i bambini di meno di 6 anni, mentre in generale fino ai 6 mesi i piccoli vengono allattati al seno e questo è un fattore protettivo contro le infezioni”.

Italo Farnetani

Ricordate di tenere i bambini a casa per tutto il tempo necessario perché mandarli a scuola debilitati potrebbe scatenare ricadute, complicazioni e nuove infezioni.

Foto | Pixabay
Via | adnkronos

  • shares
  • Mail