Dolore al fegato, cosa fare

Qualche consiglio per affrontare il dolore al fegato, comprenderne le cause e soprattutto sapere come comportarsi.

Sul dolore al fegato ci sono diverse teorie. È un disturbo abbastanza comune, ma molti esperti sostengono che il dolore si localizzi nella zona del fegato ma non sia causato da fegato stesso, che invece potrebbe causare prurito fortissimo e ittero. E allora che cos’è e come si affronta?

Il dolore al fegato in realtà, nella maggior parte dei casi, provocato problemi alle vie biliari, come colecisti o calcolosi ostruenti i dotti. Il male è causato alla distensione del rivestimento epatico, chiamato capsula glissoniana (o capsula di Glisson), che produce una sintomatologia dolorosa. Questa condizione può essere causata anche da epatiti o cirrosi. Talvolta questo dolore non ha alcun collegamento con il fegato ma è da imputare a pancreatiti, tumori del pancreas, sindrome dell'intestino irritabile, gastriti, duodeniti ed ulcere piloriche.

Cosa fare? Bisogna contattare il medico e indagare, soprattutto se può esserci il sospetto di fegato grasso, che in medicina si dice steatosi epatica. Non devi sottovolutare questo problema, ma non devi neanche allarmarti. Cerca piuttosto di comprendere se ci sono degli episodi ricorrenti o scatenanti. Potrebbe anche nascondere un’attività fisica troppo impegnativa: durante gli allenamenti intensivi il sangue passa dal sistema digerente a quello muscolare. In questo caso, fermati e riposa.

  • shares
  • Mail