Gengivite, i sintomi da riconoscere subito

Ecco quali sono i sintomi della gengivite e come affrontare la situazione.

Gengivite

La gengivite è un disturbo che non dovrebbe mai essere trascurato. Si tratta di un'infiammazione dei tessuti che circondano la base dei denti, e in alcuni casi può essere asintomatica, mentre in altri può causare sintomi davvero fastidiosi. Se non curata, la gengivite può progredire in paradontite, una condizione che può portare alla caduta dei denti. I sintomi della gengivite si manifestano generalmente quando si assumono cibi o bevande molto calde o molto fredde. Ecco quali sono i disturbi da non sottovalutare.

I sintomi della gengivite


Come abbiamo visto, la gengivite può essere inizialmente asintomatica, ma possono anche presentarsi sintomi come sanguinamento e alito cattivo. Fra gli altri sintomi da conoscere segnaliamo:


  • Gonfiore alle gengive

  • Arrossamento e dolore

  • Distacco dal solco gengivale


Se non trattata in modo adeguato, a lungo andare la gengivite comprometterà la tenuta dei denti, che tenderanno a indebolirsi e a cadere. Inoltre aumenterà anche il rischio di infezioni e di gravi patologie, come quelle cardiache.

Le cause della gengivite


Alla base di questo problema vi è essenzialmente un accumulo di batteri nel cavo orale. Tali batteri portano alla formazione della placca e del tartaro, che a lungo andare causeranno l'infiammazione delle gengive e il sollevamento dei tessuti, rendendo i denti ancor più vulnerabili agli attacchi dei batteri.

Oltre alla scarsa igiene orale, fra le cause della gengivite si segnalano il vizio del fumo, l'età che avanza, malattie come diabete, infezioni del cavo orale, malattie immunitarie, sbalzi ormonali e l'utilizzo di protesi dentarie. Per prevenire il problema è assolutamente fondamentale mantenere una sana igiene orale, evitare vizi dannosi come quello del fumo e – in caso di malattie – tenere sotto controllo la salute dei denti, esponendo il problema al proprio dentista.

Se soffrite di gengivite sarà necessario prendersi cura in maniera attenta della propria igiene orale, e naturalmente bisognerà sottoporsi a regolari pulizie dentali in modo da rimuovere placca e tartaro. Il dentista vi consiglierà eventuali e ulteriori trattamenti in base alle vostre specifiche condizioni.

via | Humanitas

Foto da Pixabay

  • shares
  • Mail