Orzaiolo, come si cura

Quando compare un orzaiolo su palpebre o rima superiore o inferiore dell'occhio, è bene agire con le cure adeguate per limitare gonfiore e dolore

Come curare orzaiolo

Un orzaiolo è una protuberanza dolorosa che si forma nella zona oculare a causa di una proliferazione batterica, solitamente a carico delle ghiandole oleifere. Il trucco, la scarsa igiene o le lenti a contatto non pulite o indossate con mani non lavate, possono ostruire o infiammare queste ghiandole, portando appunto ad un'infezione locale.

I sintomi di un orzaiolo sono:


  • Gonfiore nella sede dell'infezione

  • Dolore locale

  • Aumento della lacrimazione

  • Prurito nella zona colpita

  • Formazione di croste

La cura per l'orzaiolo in genere è topica e sarà il medico a suggerirci il farmaco più adatto. In genere si consiglia l'uso di pomate antibiotiche a base di eritromicina in caso di orzaioli esterni, ma se sono interni solitamente si prescrivono colliri antibiotici per eliminare l'infezione.

L'igiene in questi casi è essenziale, quindi è sempre bene usare salviette per uso oculare per umettare solo la parte colpita in modo delicato e poco invasivo. Il rischio è infatti di poter rompere la sacca di pus e favorire la proliferazione batterica anche in altre zone dell'occhio.

Si può comunque provare a velocizzare la guarigione con impacchi di acqua calda o dischetti di cotone immersi nella camomilla. Anche le bustine di tè tenute in ammollo in acqua bollente per un minuto possono essere adoperate, una volta intiepidite, per curare in modo casalingo l'orzaiolo.

Basta strizzarle leggermente e poi appoggiarle in modo delicato sull'occhio da trattare. Il calore e la blanda funzione antibatterica del tè possono aiutare a far maturare prima l'orzaiolo. Ovviamente questi metodi servono a rendere meno invasivo il problema e risolverlo prima.

L'orzaiolo infatti ci mette 5 massimo 7 giorni a guarire in modo autonomo, senza necessariamente trattarlo con medicamenti esterni. Di certo in questo periodo sarà nostra cura evitare il trucco e curare l'igiene di viso e mani in maniera più profonda. Se si usano lenti a contatto, accertiamoci che siano sempre ben pulite e, se possibile, preferiamo l'utilizzo degli occhiali fino a completa guarigione.

Foto | Pixabay

  • shares
  • Mail