Gengive ritirate, rimedi che funzionano

Gengive ritirate: ecco quali sono i rimedi più efficaci e quali sono i sintomi da riconoscere.

Gengive ritirate

Avere le gengive ritirate è una condizione patologica che deriva da una scarsa igiene orale e che può portare alla caduta dei denti. Tale condizione consiste nella recessione delle gengive verso la radice dentale, e provoca sia un disagio estetico che vari disturbi ai denti. Ma quali saranno i sintomi da non sottovalutare?

Uno dei primi problemi che si presentano in seguito all’inizio dell’arretramento gengivale è una significativa ipersensibilità dentinale, seguita dall'accumulo di placca, dalla formazione di tartaro e dall’infiammazione gengivale. Se la condizione va avanti, si possono inoltre presentare problemi come gengive gonfie e sanguinanti e alito cattivo.

Gengive ritirate: cause


Le gengive ritirare si manifestano in modo lento, in quanto la loro comparsa deriva da un susseguirsi in modo ripetuto di atteggiamenti non corretti o di disturbi cronici. Tra le principali cause di questa patologia troviamo un errato spazzolamento dei denti, magari troppo vigoroso o direzionato in modo errato. Altre cause sono rappresentate da parodontite, bruxismo, malocclusione dentale, patologie gengivali ereditarie e altro.

I rimedi che funzionano


Innanzitutto per ovviare al problema prima che si presenti è importante impegnarsi nella prevenzione. Come prima cosa sarà fondamentale seguire una corretta igiene orale e prestare attenzione al metodo di spazzolamento, che deve avvenire dalla gengiva al dente e con uno spazzolino con setole morbide.

Nel caso però in cui la prevenzione non dovesse bastare, o nel caso in cui siano già comparsi i sintomi, un rimedio efficace è quello dell'autotrapianto di gengiva, che permette di coprire la radice scoperta e di rinforzare la gengiva. Nel caso di una recessione già avanzata si può ricorrere ad un rimedio più drastico, ovvero all’impianto dentale, indicato sia per risolvere problemi nella masticazione provocati dal ritiro gengivale, che per ripristinare l’estetica dei denti.

 

via | Albanesi
Foto da Pixabay

  • shares
  • Mail