Inchiostri per tatuaggi tossici: pericolosi 22 campioni su 100 secondo i controlli dei Nas

I carabinieri del Nas mettono in luce potenziali rischi per alcuni inchiostri per tatuaggi: conterrebbero sostanze potenzialmente pericolose per la salute

Tatuaggi inchiostri pericolosi

Un controllo fatto dai carabinieri del Nas fa emergere un dato allarmante sugli inchiostri usati per i tatuaggi. Su 100 campioni analizzati, ben 22 sarebbero irregolari, contenendo sostanze potenzialmente tossiche e cancerogene e quindi pericolose per la salute.

L'azione ha messo sotto la lente di ingrandimento il lavoro di 117 aziende italiane, fra gabinetti di tattoo, importatori e distributori di pigmenti, prelevando dei samples e inviandoli ai laboratori per le analisi. Come detto, i risultati sono stati impietosi: più del 20% degli inchiostri hanno evidenziato un superamento dei limiti di legge per sostanze quali ammine aromatiche e idrocarburi policiclici aromatici.

Il Ministero della Salute ha quindi disposto un provvedimento per il divieto della commercializzazione e, ovviamente, utilizzo di questi prodotti, così come l'obbligo di rintracciare chi si è sottoposto di recente a tatuaggi, per informarlo sulle criticità di questi inchiostri.

I Nas, oltre ai dati negativi su alcuni pigmenti, hanno comunicato che i controlli si sono estesi anche alle attività del settore tattoo, rilevando 31 infrazioni che riguardavano mancanze di autorizzazione dei locali o di attestati di formazione dei tatuatori, ma anche carenze a livello igienico all'interno degli ambienti.

I carabinieri hanno quindi sequestrato 248 confezioni di inchiostri e pigmenti, fra cui prodotti privi di etichettatura e quindi giudicati non a norma.

Via | TgCom24
Foto | iStock

  • shares
  • Mail