Dieta per diverticoli, cosa mangiare: alimenti consigliati e da evitare

Ecco qualche consiglio per curare i diverticoli con la dieta. E soprattutto quali sono i cibi consigliati e quali è meglio evitare.

Una sana alimentazione, leggera e ricca di fibre può aiutare molto nei problemi di digestione. In particolare occorre evitare gli alimenti troppo complessiUna sana alimentazione, leggera e ricca di fibre può aiutare molto nei problemi di digestione. In particolare occorre evitare gli alimenti troppo complessi

Una sana alimentazione, leggera e ricca di fibre può aiutare molto nei problemi di digestione. In particolare occorre evitare gli alimenti troppo complessiUna sana alimentazione, leggera e ricca di fibre può aiutare molto nei problemi di digestione. In particolare occorre evitare gli alimenti troppo complessi

I diverticoli, ovvero piccole cavità simili a sacchettini formano in molti punti dell'apparato digerente, ma principalmente nel colon, possono causare numerosi disagi, come la stitichezza, il meteorismo (flatulenze), le alterazioni dell’alvo e/o i sintomi tipici del colon irritabile. È quindi molto importante fare attenzione alla dieta.

È necessario consumare parecchie fibre e pensare a integrare delle bustine di crusca e di altre fibre a base dipsyllium e glucomannano. Inoltre, ricorda di bere parecchia acqua, ridurre i grassi, soprattutto di origine animale, ma anche bevande e alimenti zuccherini. Bisogna favorire le cotture leggere, come quelle al vapore, alla piastra o in pento a pressione, mentre vanno eliminati i fritti e i bolliti di carne.

Quali cibi privilegiare? Via libera ad agretti, asparagi, cavolfiore, carciofi, funghi, broccoli, melanzane, cicoria, patate. Sono indicati anche i centrifugati di verdure. È consigliato il consumo di almeno una porzione di verdura a pranzo o cena, cruda o cotta, ma anche di minestroni e passati di verdure, meglio se messi in tavola la sera. Per la frutta, invece, si a prugne, mele, mele cotogne, pere, arance, mandarini, albicocche e frutta secca. È preferibile consumarla cruda, con la buccia (ben lavata) e ben masticata.

Per quanto riguarda i cereali, vanno alterati quelli raffinati (pane, pasta, riso…) con quelli integrali. Sono da evitare tutti i cibi che possono creare infiammazione come le spezie piccanti (come pepe e peperoncino), curry e cacao; i legumi consumati prevalentemente passati o centrifugati per eliminare le bucce, gli insaccati (salame, salsicce, mortadella).

Via | Fondazione Veronesi

  • shares
  • Mail