Alzheimer: come prevenire la malattia con i consigli degli esperti

In occasione della Giornata Mondiale della Malattia di Alzheimer, la Società Italiana di Neurologia (SIN) ha rivelato quali sono i consigli efficaci per prevenire l’insorgenza di questa condizione. Ecco di quali si tratta.

Alzheimer

In occasione della Giornata Mondiale della Malattia di Alzheimer, la Società Italiana di Neurologia (SIN) ha rivelato quali sono i consigli più efficaci per prevenire i disturbi comportamentali nei pazienti con predisposizione a sviluppare la malattia.

Un atteggiamento rassicurante per un soggetto che si sente “perso” e privo di riferimenti, uno stimolo ad occuparsi di mansioni semplici, con adeguata supervisione, il rispondere alle richieste del malato con pazienza, sono semplici ma importanti aspetti della vita quotidiana che aiutano a ridurre lo stato di ansia e di agitazione che spesso tali pazienti manifestano, senza dover ricorrere a terapie sedative

fanno sapere gli esperti, i quali hanno dunque fornito una serie di consigli per prevenire l’insorgenza della malattia nei soggetti a rischio (ma non ancora dementi) che manifestano i primi segni di lievi deficit cognitivi. Ecco quali sono i preziosi consigli degli esperti.

Alzheimer: come ridurre il rischio


Per ridurre il rischio di ammalarsi di Alzheimer, sarà opportuno seguire i consigli proposti dai membri della Società Italiana di Neurologia. Ecco di quali si tratta:


  • Ridurre i fattori di rischio per le patologie vascolari (ipertensione, diabete, obesità, fumo, scarsa attività fisica): tali fattori infatti contribuiscono ad aumentare le possibilità di sviluppare la Malattia di Alzheimer.

  • Seguire uno stile di vita sano e svolgere regolare attività fisica

  • Mangiare in modo sano, assumendo le giuste sostanze antiossidanti

  • Svolgere attività sociali e cognitive che aiutino a ridurre o ritardare la patologia, stimolando il cervello e favorendo la creazione di nuove connessioni cerebrali. In tal senso sarà consigliabile lo svolgimento di attività stimolanti per la mente (apprendere nuove lingue, suonare uno strumento musicale, lavorare e così via).


Foto da Pixabay

  • shares
  • Mail