Difficoltà a deglutire e cervicale, c'è un nesso

Lo sapevate che fra i tanti sintomi che la cervicale provoca c'è anche la difficoltà a deglutire o disfagia?

Cervicale

Quando si parla di cervicale vengono subito in mente sintomi come il dolore al collo e alle spalle, la nausea, le vertigini, la vista offuscata, il mal di testa, la sensazione di formicolio alle braccia o anche la difficoltà di sollevare le braccia o oggetti pesanti. Tuttavia c'è anche un altro sintomo che potrebbe essere riconducibile a una forma di cervicale: la difficoltà a deglutire o disfagia (da non confondere con l'odinofagia, cioè la deglutizione dolorosa). La difficoltà a deglutire può dipendere da tantissime cause: ci sono forme alte o orofaringee da disturbi neurologici o muscolari (fra cui anche Morbo di Parkinson, Sclerosi multipla, miastenia gravis...) e forme basse o esofagee (tumori, esofagiti, acalasia, Morbo di Chagas, corpi estranei, stenosi...).

Da non sottovalutare, però, anche le cause apparentemente più banali: una cervicale infiammata (cervicalgia) potrebbe provocarci dei problemi durante la deglutizione. Solitamente, però, la difficoltà a deglutire non è l'unico sintomo della cervicale: normalmente dovrebbero comparire almeno dolore, mal di testa o vertigini, sintomi decisamente più comuni.

Tuttavia sarebbe sbagliato imputare subito eventuali difficoltà di deglutizione alla cervicale, anche quando soffriamo cronicamente di cervicalgia: la difficoltà a deglutire può essere un sintomo correlato a parecchie altre malattie e non è detto che, accanto alla nostra solita cervicale, non ci siano altre patologie in corso contemporaneamente.

Se notiamo una difficoltà a deglutire persistente, non legata a processi infiammatori acuti come mal di gola, faringiti, laringiti, tonsilliti o raffreddore (tutte patologie che di norma devono passare rapidamente), è bene consultare il proprio medico per effettuare qualche analisi più approfondita e capire quale sia la vera causa del problema di deglutizione. Questo perché la terapia di una cervicale non sarà la medesima di un'esofagite o di un Morbo di Parkinson. In questi casi è fondamentale la localizzazione corretta del problema per una miglior riuscita terapeutica.

Foto | iStock

  • shares
  • Mail