Chi è e cosa fa il logopedista

Chi è e cosa fa il logopedista? Ecco tutto quello che dovete sapere.

Chi è e cosa fa il logopedista

Chi è e cosa fa il logopedista? Vi siete mai chiesti qual è il lavoro di questa figura professionale medica? Certamente ne avrete già sentito parlare e magari sarete ricorsi a un esperto il logopedia per i vostri figli. Ma non cura solo i bambini. Sono diversi i campi di azione in cui interviene un logopedista, anche in età adulta e in seguito a malattie o interventi.

Chi è il logopedista

Il logopedista è una figura professionale specializzata nell'educazione e nella rieducazione alla parola e alla comunicazione verbale. È un professionista, che deve essere rigorosamente laureato, che ha studiato i principali disturbi del linguaggio, i problemi della deglutizione, le disfunzioni comunicativo-sociali. Non è un medico, ma un professionista sanitario che previene e cura i disturbi del linguaggio orale e scritto e delle funzioni orali, in ogni età (dai bambini agli anziani).

Il logopedista può lavorare in strutture pubbliche, ma anche come libero professionista nel proprio studio o in studi associati. Non è una figura professionale della sanità che opera in autonomia, dal momento che la materia trattata può essere collegata ad altre figure di riferimento come psicologi, otorini, laringoiatri...

Cosa fa il logopedista

Cosa fa il logopedista e quando è bene rivolgersi a lui? Innanzitutto valuta se ci sono disturbi della comunicazione e del linguaggio, per poi intervenire per prevenire e riabilitare il paziente nel caso in cui siano stati riscontrati dei problemi. In particolare il logopedista si occupa di ritardi dello sviluppo del linguaggio, di disturbi fonologici, disturbi dell'apprendimento, afasia, problemi neuro comportamentali, disfonia, difficoltà a parlare a causa di sordità e balbuzie.

Di solito si va dal logopedista con bambini che non si esprimono bene e non sanno pronunciare alcuni suoni, in caso di deglutizione disfunzionale, di difficoltà a leggere e scrivere, di abbassamenti della voce. Interviene anche dopo ictus o tumori se si notano difficoltà nella comunicazione e nella deglutizione.

Cosa fare per diventare logopedista

Come si diventa logopedista? È una professione sanitaria, che si può praticare solo in seguito al conseguimento della laurea in Logopedia: è un corso di laurea triennale che si può trovare in 27 università italiane, 26 pubbliche e 1 privata (Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma). Il corso di laurea è a numero chiuso, bisogna affrontare un test di ingresso per sperare di entrare in graduatoria e tra i primi per accedere alla facoltà. Il conseguimento della laurea dà automaticamente l'abilitazione per esercitare la professione.

Foto Pixabay

  • shares
  • Mail