Mindfulness: i benefici per chi soffre di deficit cognitivo lieve

La mindfulness può migliorare la vita delle persone con compromissione cognitiva lieve (MCI). Ecco cosa rivela un nuovo studio.

Mindfulness

La mindfulness potrebbe migliorare la vita delle persone con Mild Cognitive Impairment (MCI) o Disturbo Cognitivo Lieve. A suggerirlo è un nuovo studio recentemente pubblicato sulle pagine del Journal of Alzheimer's Disease, i cui autori spiegano che, al momento, non esiste ancora un modo per impedire che gli anziani con compromissione cognitiva lieve possano sviluppare il morbo di Alzheimer, tuttavia potrebbe esistere un trattamento non farmacologico sicuro e affidabile che può aiutare i pazienti che vivono con questa condizione, ovvero la meditazione mindfulness.

Fino a quando non troveremo opzioni terapeutiche che possano prevenire la progressione verso l'Alzheimer, la meditazione mindfulness può aiutare i pazienti affetti da MCI. Il nostro studio ha mostrato prove promettenti che gli adulti con MCI possono imparare a praticare la meditazione consapevole e, in tal modo, possono migliorare la loro funzione cognitiva.

Precedenti ricerche hanno già dimostrato che alti livelli di stress cronico esercitano un impatto negativo sull'ippocampo, una parte del cervello coinvolta nella memoria e nell'apprendimento, e che sono associati a una maggiore incidenza di Disturbo Cognitivo Lieve e Alzheimer.

Per il loro nuovo studio, gli autori hanno arruolato 14 uomini e donne di età compresa tra 55 e 90 anni con diagnosi di MCI; alcuni partecipanti hanno seguito un corso di mindfulness e yoga di otto settimane, mentre un secondo gruppo (quello di controllo) non ha seguito alcun tipo di lezione.

Ebbene, a quanto sembra i partecipanti che hanno completato il programma di meditazione mindfuless hanno mostrato miglioramenti per quanto riguarda le funzioni cognitive, e sono stati registrati effetti benefici sull'ippocampo e su altre aree del cervello associate al declino cognitivo. Questo dimostra che la compromissione della memoria causata dalla MCI non annulla le capacità di apprendimento.

via | ScienceDaily
Foto da Pixabay

  • shares
  • Mail