Curare i crampi addominali con le cure giuste

I crampi addominali possono essere il campanello d'allarme di molte malattie e patologie, di origini totalmente differenti e svariate; se questi crampi sono ripetuti e frequenti è bene consultare il medico, che ne analizzerà adeguatamente le cause, indirizzandoci verso le cure giuste.I crampi addominali possono essere scatenati da moltissimi fattori. Una digestione difficile o un banale mal di stomaco sono essenzialmente passeggeri; anche ripetuti spostamenti e cambi di fuso orario possono causare malessere addominale, accompagnato da spossatezza: in questi casi, i crampi si possono curare con un po' di riposo e una dieta leggera, in bianco, per un paio di giorni.

Utili anche le intramontabili bevande calde, contribuiscono a rilassare la muscolatura. Le più indicate, perché calmanti e con un leggero effetto depurativo, sono le tisane di:


  • menta piperita

  • camomilla

  • finocchio

  • timo

  • melissa


Anche i dolori mestruali e la sindrome del colon irritabile possono favorire l'insorgenza dei crampi: per curare i dolori durante il ciclo basta un antidolorifico blando o la classica borsa dell'acqua calda (non bollente) sulla pancia, che ha un effetto distensivo per i muscoli addominali. Per la sindrome del colon irritabile, diagnosticabile da un medico, bisogna modificare il proprio stile di vita e la dieta, nonché ridurre lo stress.

In caso di ripetuti dolori dopo l'assunzione di determinati cibi, i crampi possono essere il sintomo di intolleranze alimentari quali la celiachia e l'intolleranza al lattosio: è bene quindi sottoporsi agli esami necessari per rilevare se la causa dei crampi siano queste specifiche patologie ed eliminare questi alimenti dalla propria dieta.

Solo nei casi più gravi i crampi addominali potrebbero indicare malattie più serie, per le quali le cure andranno necessariamente prescritte dai medici competenti.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail