Paura del buio negli adulti: come superarla?

Ecco quali sono le possibili cause della paura del buio e come superarla.

Paura del buio

Avere paura del buio è un’esperienza che accomuna quasi tutti i bambini, mentre se si manifesta negli adulti bisogna distinguere se si tratta di una semplice paura, o se piuttosto non si possa parlare di una vera e propria fobia. In tal caso, si parlerà di nictofobia, ovvero una paura che può portare un individuo a limitare le proprie attività, evitando o provando ansia anche all’idea di ritrovarsi al buio.

È quando questa paura supera il limite che si inizia a parlare di fobia. Ma quali saranno le cause di questo problema? La nictofobia può non essere correlata strettamente al buio in sé, ma ai pericoli sconosciuti che potrebbero nascondersi nell’oscurità. Anche la mancanza di sicurezza e fiducia in se stessi può rappresentare un fattore da non sottovalutare, specialmente se si tende ad avere più frequentemente paura del buio quando si è soli.

Nonostante i sintomi possano variare da persona a persona, quelli principali includono:


  • Nervosismo quando ci si trova in un ambiente buio

  • Bisogno di dormire con una luce notturna

  • Aumento della frequenza cardiaca, sudorazione, tremore e – nei casi più gravi – nausea, mal di testa e diarrea

  • Necessità di fuggire dalle stanze buie

  • Bisogno di stare a casa quando è notte

  • Arrabbiarsi o mettersi sulla difensiva quando si è incoraggiati a trascorrere del tempo al buio.


Paura del buio: come superarla


Fortunatamente questo problema può essere ridotto e superato grazie alla terapia, il cui obiettivo sarà quello di combattere le credenze spaventose in merito al buio, sostituendole con messaggi positivi di auto incoraggiamento. I terapisti suggeriscono generalmente di approcciarsi al problema esponendosi al buio piano piano, in situazioni non minacciose, innescando un graduale processo di desensibilizzazione. Sarà inoltre utile affidarsi a un bravo terapista, apprendere delle tecniche di rilassamento e - qualora il problema dovesse essere davvero invalidante - assumere antidepressivi o farmaci per curare l'ansia, sempre sotto controllo medico.

via | Verywellmind

Foto da Pixabay

  • shares
  • Mail