Il rischio di preeclampsia può essere ridotto con una dieta ricca di fibre

Una dieta ricca di fibre può aiutare a ridurre il rischio di preeclampsia? La risposta arriva da questo nuovo studio.

gravidanza

Una dieta ricca di fibre può aiutare a ridurre il rischio di preeclampsia e di altre gravi condizioni che possono presentarsi durante la gravidanza. A confermarlo è un nuovo studio pubblicato sulle pagine della rivista Nature Communications, i cui autori spiegano che una dieta ricca di fibre è generalmente raccomandata per migliorare la salute, ma la nuova ricerca dimostra che mangiare in modo sano e includere frutta e verdura potrebbe essere ancor più importante durante la gravidanza, per favorire il benessere della mamma e del bambino.

Gli esperti spiegano che la semplice raccomandazione di mangiare cibo vero, soprattutto di origine vegetale, potrebbe rappresentare la strategia di prevenzione primaria più efficace per alcune delle condizioni più gravi del nostro tempo.

I batteri e la dieta dell'intestino della madre sembrano essere cruciali per promuovere una gravidanza sana.

La preeclampsia è una condizione che si verifica nel 10% delle gravidanze

, ed è caratterizzata da ipertensione, presenza di proteine nelle urine e grave gonfiore nella madre. Tale condizione interferisce anche con lo sviluppo immunitario del bambino, e alcune prove suggeriscono l’esistenza di un collegamento con tassi più elevati di allergie e malattie autoimmuni più avanti nella vita.

Secondo i risultati, un più basso livello di acetato, sostanza prodotta come conseguenza della disgregazione delle fibre da parte dei batteri nell’intestino, è maggiormente associato ad una condizione di preeclampsia.

Il nuovo studio ha inoltre rivelato che la preeclampsia può influenzare lo sviluppo di un importante organo immunitario fetale, ovvero il timo. È stato infatti riscontrato che i feti nelle gravidanze con preeclampsia hanno un timo molto più piccolo rispetto ai bambini che nascono dopo gravidanze sane.

Alla luce di quanto emerso, appare chiaro che promuovere l’assunzione di specifici prodotti durante la gravidanza potrebbe rappresentare un modo efficace per prevenire allergie e condizioni autoimmuni nel bambino, più avanti nella vita.

via | ScienceDaily
Foto da Pixabay

  • shares
  • Mail