Sfregamento interno cosce: rimedi

Spesso d'estate o quando si fanno attività sportive come la corsa, si hanno delle fastidiose irritazioni da sfregamento all'interno delle cosce. Ecco cosa fare.

Corsa: crampi

Sfregamento interno cosce e dermatite da irritazione: non è un problema solo d'estate. Anche chi fa sport d'inverno, come la corsa o l'equitazione, se non compie i giusti movimenti o non ha il giusto abbigliamento, rischia di trovarsi con irritazioni sull'interno coscia piuttosto fastidiose. Il problema, però, si esacerba in estate a causa del sudore. Quello che succede è che, a causa del continuo sfregamento, la cute si arrossa e si prova una fastidiosa sensazione di bruciore. Ma cosa fare? Se ci accorgiamo di una forma di irritazione da sfregamento, allora bisogna subito applicare sulla zona acqua fredda, evitando saponi per non irritare ulteriormente la parte. Al massimo, si possono usare saponi con pH neutro.

Successivamente sulla parte, se non ci sono lesioni aperte si possono applicare prodotti a base di ossido di zinco (solitamente sotto forma di pomate), di aloe o il Tea Tree Oil. Se invece ci sono lesioni aperte in quanto lo sfregamento ha causato delle lacerazioni cutanee, bisognerebbe andare subito dal medico: è probabile che le lesioni richiedano terapie più mirate.

E' molto importante evitare di indossare indumenti troppo stretti o vestiti aderenti in quanto l'irritazione peggiorerebbe. Nel caso l'irritazione si sia manifestata a seguito di attività sportiva, ricordiamo che è sempre meglio utilizzare l'abbigliamento tecnico adatto. Per esempio, chi va a correre dovrebbe usare pantaloncini da corsa abbastanza lunghi e magliette con le maniche (l'irritazione può colpire anche le ascelle) in modo che la pelle non sfreghi. Per chi va a cavallo, invece, ideali sono gli appositi pantaloni da equitazione senza cuciture interne e imbottiti proprio sulle cosce. Per chi suda tanto, poi, potrebbe essere utile, prima di indossare gli appositi indumenti, cospargere la zona con del borotalco, aiuta a mantenere la pelle asciutta. Ma anche questo solo se non ci sono ferite aperte.

Foto | iStock

  • shares
  • Mail