Oggi è la Giornata mondiale vitiligine 2019

Oggi, 25 giugno, è la Giornata mondiale vitiligine 2019. Perché si parla poco di questa malattia?

vitiligine

Il 25 giugno si celebra la Giornata mondiale vitiligine 2019. La giornata si celebra dal 2011 in tutti i paesi del mondo. Il tema di quest'anno è molto importante, perché riguarda i risvolti psicologici che la malattia della pelle ha sulla vita di tutti i giorni. “The Quality of Life of a Vitiligo Patient”, la qualità di vita di un paziente con vitiligine: un tema scelto anche per parlare dei troppi pregiudizi che accompagnano la malattia.

Lo sapevate che in Italia un milione di persone soffre di vitiligine? Sono 100 milioni in tutto il mondo. Ne soffrono anche personaggi famosi, come Michael Jackson, di cui oggi ricorre il decimo anniversario della morte, l'ex gieffino Luca Onestini, la "giudice" Mara Maionchi, il tronista gay Alex Migliorini e la supermodella Winnie Harlow, diventata testimonial di tutte le persone che ne soffrono e hanno diritto a una vita come quella delle altre persone.

La vitiligine, o Chloasma album, si presenta con macchie bianche sulla pelle o chiazze non pigmentate e il World Vitiligo Day vuole proprio spiegare a tutti quanti che è una malattia, per la precisione una malattia autoimmune, non un problema estetico. E che no, non è contagiosa. La malattia è cronica, non congenita. Le chiazze appaiono sulla pelle, ma anche sui peli e sulle mucose, dove manca la colorazione causata dalla melanina. Esistono anche dei fattori di rischio da tenere in considerazione, come la famigliarità o altre condizioni autoimmuni come l'alopecia areata, l'anemia perniciosa, l'ipertiroidismo.

I danni psicologici che crea sono immensi, anche se dal punto di vista di sintomi fisici non dà grossi problemi. Non incide, infatti, sulle aspettative di vita e non dà sintomi particolari. Ma soprattutto quando appare sul volto, può causare molti problemi sociali per chi ne soffre. Anche per la scarsa conoscenza che si ha sulla malattia.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail