Maturità 2019, 1 ragazzo su 5 in Europa usa integratori, farmaci e sostanze stimolanti

Un ragazzo su cinque in Europa fa uso di sostanze stimolanti. L'allarme in vista dell'esame di Maturità 2019.

Maturità 2019

Mercoledì 19 giugno 2019 in Italia iniziano gli esami di Maturità 2019. I ragazzi italiani dell'ultimo anno delle scuole superiori saranno impegnati in due prove scritte e in un esame orale. I maturandi sono nati nel 2000: quasi 500mila studenti saranno impegnati nel loro primo grande esame. Come lo supereranno? Pare che sulle tavole dei ragazzi europei ci siano sempre più caffè, bevande energizzanti, integratori, farmaci, stimolanti per potersi concentrare, affrontare gli esami e studiare negli ultimi giorni a disposizione.

E non succede solo in Italia. Secondo recenti studi nelle università americane dal 7 al 25% degli studenti ha sempre con se dei farmaci per potenziare la mente. In Europa si è intorno -al 20-30%. In Italia non abbiamo dati sicuri. Anche se in questi giorni molti genitori vanno in farmacia a chiedere integratori per la stanchezza, soprattutto mentale. Sostanze come fosforo, magnesio, antiossidanti e altre possono aiutarli nello studio.

Molti ragazzi però provano il fai da te. Con caffè e bevande energizzanti. Johann Rossi Mason nel suo libro Cervello senza limite spiega:

Il cervello è un organo che può essere spinto oltre i propri limiti ma non per lungo tempo. Può funzionare anche a regimi elevati purché gli sia dato modo di recuperare e questo avviene con un adeguato numero di ore di sonno. Almeno 8 durante le quali il cervello fa pulizia e soprattutto organizza i ricordi. In scarsità di riposo, la memoria è meno efficiente. E sommando l’uso indiscriminato di sostanze eccitanti (caffeina, taurina, ginseng, ecc) si può avere un senso di energia immediato ma che si ‘paga’ a medio termine.

Meglio evitare i rimedi fai da te o prendere farmaci che possono compromettere la salute dei ragazzi. Non si hanno studi a lungo termine e quindi è estremamente pericoloso. Il cervello non è ancora del tutto formato, quindi bisogna usare estrema cautela.

Foto Pixabay

  • shares
  • Mail