Cosa sono i farmaci fotosensibilizzanti?

Cosa si intende quando si parla di farmaci fotosensibilizzanti? Cosa sono?

Nutella: la più grande fabbrica del mondo riprende la produzione

Cosa si intende con farmaci fotosensibilizzanti? Sono farmaci che sono in grado di scatenare una fotodermatite attraverso meccanismi o di fototossicità o di fotoallergia. In pratica se si assumono farmaci fotosensibilizzanti e poi ci si espone al sole, ecco che possono comparire sintomi cutanei di fotosensibilizzazione. Il sito della Farmacovigilanza fa sapere che negli ultimi anni sono aumentate le reazioni da fotosensibilità provocate da farmaci sistemici, farmaci topici, profumi, cosmetici o anche piante medicinali. Si tratta di fotodermatiti primarie, reazioni esagerate a dosi solitamente innocue di radiazioni presenti nel range dell'ultravioletto e del visibile.

Farmaci fotosensibilizzanti: differenza fra reazione fototossica e reazione fotoallergica

I farmaci fotosensibilizzanti possono scatenare sintomi o tramite reazione fototossica o tramite reazione fotoallergica. Vediamo prima le caratteristiche della reazione fototossica:

  • incidenza: alta (sono le forme più comuni)
  • quantità di sostanza fotosensibilizzante: alta
  • dose dipendenza: sì
  • necessità di precedenti esposizioni: no
  • meccanismo d'azione: reazione non su base immune. La luce reagisce con componenti dei farmaci e produce sostanze chimiche tossiche che danneggiano membrane cellulari o DNA
  • tempo di esposizione: minuti o ore
  • distribuzione: parte della pelle esposta al sole
  • aspetto: scottatura
  • istologia: necrosi epidermica
  • pigmentazione alterata: comune

Queste sono, invece, le caratteristiche della reazione fotoallergica:

  • incidenza: bassa (sono forme più rare)
  • quantità di sostanza fotosensibilizzante: bassa
  • dose dipendenza: no
  • necessità di precedenti esposizioni: sì
  • meccanismo d'azione: reazione immunologica cellulo-mediata di tipo IV, provocata dall'attivazione da parte della luce di sostanze chimiche dei farmaci
  • tempo di esposizione: 24-72 ore
  • distribuzione: parte della pelle esposta al sole, ma può estendersi anche in zone non esposte
  • aspetto: dermatite da contatto
  • istologia: infiammazione del derma, spongiosi epidermica
  • pigmentazione alterata: non comune

Farmaci fotosensibilizzanti: sintomi

Tipicamente i sintomi da fotosensibilità si manifestano nelle zone esposte al sole, quindi viso, collo, mani e avambracci, escludendo di solito cuoio capelluto, la zona dietro le orecchie, il contorno occhi e la zona sotto il mento. Questo tranne nel caso di reazioni fotoallergiche dove la reazione può estendersi anche a parti non esposte al sole.

I sintomi delle reazioni da fotosensibilizzazione ricordano quelli di intense scottature solari:

  • eritema
  • edema
  • papule
  • orticaria
  • vescicole

Farmaci fotosensibilizzanti: quali sono?

La maggior parte dei farmaci fotosensibilizzanti sembra agire nel range degli UVA (320-400 nm) e talvolta in quello degli UVB (290-320 nm). Questi sono i principali farmaci che possono causare fotosensibilizzazione in soggetti predisposti:

  • antibiotici come tetracicline (reazione fototossica), chinoloni (reazione fototossica e fotoallergica) e sulfonamide (reazione fototossica)
  • antifungini come voriconazolo (reazione fototossica) e ketoconazolo, itraconazolo e riseofulvina (reazione fototossica e fotoallergica)
  • contraccettivi orali (reazione fotoallergica)
  • diuretici come furosemide (reazione fototossica) e idroclorotiazide (reazione fototossica e fotoallergica)
  • FANS come ketoprofene (reazione fototossica e fotoallergica), naproxene (reazione fototossica), celecoxib (reazione fotoallergica) e salicilati (reazione fotoallergica)
  • farmaci cardiovascolari come diltiazem e amiodarone (reazione fototossica)
  • farmaci citotossici come fluoracile, vinblastinca, dacarbazina, procarbazina e metotrexato
  • ipoglicemizzantiorali come glipizide (reazione fototossica e fotoallergica)
  • neurolettici come imipramina (reazione fototossica) e fenotiazine (reazione fototossica e fotoallergica)
  • retinoidi come isotretinoina (reazione fototossica)

Farmaci fotosensibilizzanti: terapia

La terapia per le reazioni da fotosensibilizzazioni da farmaco prevedono diversi step:

  • individuazione del farmaco o della molecola scatenante e sua eliminazione
  • evitare di esporsi alla luce solare anche se il cielo è velato (o fare lampade)
  • coprirsi con indumenti protettivi e usare creme protettive solari
  • terapia sntomatica con cortisonici, antistaminici e antibatterici topici (questi solo se la cute è danneggiata e c'è il rischio di infezione)

Foto | iStock

  • shares
  • Mail