Autismo e antidepressivi in gravidanza: esiste un legame

Assumere antidepressivi in gravidanza aumenta il rischio di autismo nei bambini? Ecco cosa emerge da un nuovo studio.

antidepressivi in gravidanza

Assumere antidepressivi in gravidanza è collegato a un maggior rischio di autismo nei bambini? A suggerirlo è un nuovo studio pubblicato sulla rivista Molecular Brain e condotto su dei topi esposti nell’utero a un antidepressivo comune.

Gli antidepressivi vengono prescritti, anche per le donne in gravidanza, per il trattamento della depressione maggiore e dei disturbi da stress post-traumatico, e uno dei più comuni è la fluoxetina, un inibitore della ricaptazione della serotonina che può attraversare la placenta. Ancora ben poco si sa in merito alla sua sicurezza durante la gravidanza, e per esaminarne meglio gli effetti, gli esperti hanno studiato dei topi adulti nati da madri trattate con fluoxetina (Prozac) per un periodo di 15 giorni (corrispondente al secondo trimestre negli esseri umani).

Gli autori hanno riscontrato delle differenze chiave nel comportamento dei topi esposti a questo farmaco, rispetto a quelli dei topi che non sono stati esposti. Ad esempio, i topi del primo gruppo mostravano difficoltà nel riconoscimento della novità sociale, e una trasmissione compromessa causata da un recettore iperattivo della serotonina. Trattare topi esposti a fluoxetina con un composto che blocca il recettore ha alleviato i loro problemi comportamentali e migliorato la memoria di lavoro.

Il team vorrebbe adesso esaminare dei bambini autistici nati da madri trattate con antidepressivi, utilizzando la tomografia a emissione di positroni (PET), una tecnica di imaging utilizzata per osservare i processi metabolici nel corpo.

Questo studio offre una prova convincente del collegamento tra autismo ed esposizione agli antidepressivi nell'utero in un modello animale, e un possibile meccanismo che potrebbe essere potenzialmente sfruttato per terapie future.

via | ScienceDaily
Foto da Pixabay

  • shares
  • Mail