Oggi è la Giornata Mondiale della Lentezza 2019

Lo sapevate che oggi è anche la Giornata Mondiale della Lentezza 2019? Slow is better.

Giornata Mondiale della Lentezza 2019

La strana storia della Giornata Mondiale della Lentezza 2019. Il primo lunedì del mese di maggio decorre questa giornata, fortemente voluta dall'Arte del Vivere con Lentezza Onlus. Si tratta del chiaro invito a rallentare per almeno un giorno. Tuttavia quest'anno c'è stata un po' di confusione: se cercate in rete, oltre alla data del 6 maggio, trovate anche quella di mercoledì 27 febbraio. Perché? Semplice: un noto sito che elenca per comodità tutte le varie Giornate e ricorrenze, aveva segnalato per errore che la Giornata della Lentezza si sarebbe tenuta il 27 febbraio. Il che ha generato una serie di errori a catena, almeno fino a quando il sito si è scusato e ha corretto con la data giusta. Quindi è oggi la Giornata Mondiale della Lentezza, non il 27 febbraio.

Cosa si celebra nella Giornata Mondiale della Lentezza?

Lavoro frenetico, routine quotidiana, faccende famigliari, internet: il ritmo di vita si è fatto troppo veloce. Molti momenti della giornata vengono saltati perché, semplicemente, con tutti gli impegni e con la necessità di essere sempre i primi, sempre i più veloci, sempre sul pezzo, non si ha tempo per tutto. Tuttavia nella Giornata della Lentezza, sono altre le priorità da prendere in esame. Dobbiamo imparare nuovamente a vivere uno stile di vita più slow, perché Slow is Better.

Ma come fare a riuscire a vivere tutti i numerosi impegni quotidiani senza così tanta frenesia? Dando priorità, per esempio, a momenti come la colazione, troppo spesso bistrattata (in realtà è e rimane il pasto più importante dalla giornata) o al tempo di qualità passato con i figli. Oppure, ancora, al tempo da dedicare alla cura di noi stessi. A questo si possono abbinare attività come la meditazione o lo yoga: aiutano a calmarci e riducono i sintomi della depressione e dell'insoddisfazione perenne.

Lentezza è la parola chiave per sconfiggere ansia, depressione e frustrazione.

Foto | iStock

  • shares
  • Mail