Pressoterapia, come funziona e quali sono le controindicazioni

Come funziona la pressoterapia e soprattutto quando si può utilizzare questo trattamento e quali sono gli eventuali rischi.

Dolori alle gambe, quali le cause possibili?

La pressoterapia è un trattamento medico ed estetico ideato per ridurre i dolori, i gonfiori, contro l’insufficienza venosa, la cellulite, le gambe pesanti e migliorare la circolazione sanguigna e linfatica. È utilizzata soprattutto dalle donne per contrastare la ritenzione liquida sulle gambe. In genere si fa sugli arti, ma esiste anche la possibilità a livello addominale, sulla schiena e sul basso ventre.

Come funziona la pressoterapia?


Le sedute di pressoterapia durano mediamente 30 minuti, talvolta si può arrivare all’ora se la zona è molto estesa, e consistono nell'applicare una pressione esterna sulla zona da trattare, attraverso uno strumento progettato appositamente per tale scopo. Si base dunque su una pressione. Per esempio esistono degli appositi gambali da indossare in grado di stimolare la circolazione linfatica. Questi gambali sono come delle borse piene collegate a un apparecchio elettronico che si gonfiano e si sgonfiano esercitando una pressione. Talvolta le sedute sono accompagnate da impacchi a base di oli essenziali ed alghe marine.

Quali sono le controindicazioni?


La pressoterapia andrebbe sempre fatta solo dopo aver consultato il proprio medico. È controindicata in caso di insufficienze cardiache, infezioni alle gambe, insufficienze arteriose periferiche gravi e tromboflebiti. È un trattamento lungo: non puoi quindi sperare di avere ottimi risultati in poco tempo. Ci vogliono almeno 10 sedute, da fare ogni tre giorni.

  • shares
  • Mail