Fitte allo stomaco dolorose: quando ci devono preoccupare?

fitte allo stomaco dolorose

Le fitte allo stomaco dolorose non sono necessariamente il campanello d'allarme di una situazione pericolosa per la salute. Spesso si tratta di disturbi isolati, causati, ad esempio, dalla presenza di aria nello stomaco o da infezioni risolvibili in pochi giorni. In altri casi, però, possono essere il sintomo di un problema più complesso che richiede visite mediche più approfondite.

Se, ad esempio, il dolore è molto localizzato, forte e improvviso, è bene rivolgersi il prima possibile al proprio medico, senza aspettare che la situazione si aggravi. A causare un fastidio così improvviso e intenso potrebbe, infatti, essere un'ulcera allo stomaco che ha già provocato una grave lesione nella parete dello stomaco o del duodeno. Se, invece, le fitte allo stomaco sono associate a diarrea e continuano a ripresentarsi per un lungo periodo potrebbero essere il sintomo di un disturbo cronico, come la sindrome del colon irritabile. Anche in questo caso è meglio rivolgersi al medico che, dopo un'accurata diagnosi, potrà suggerire la strategia migliore per contrastare questi sintomi.

Nel caso in cui il dolore sia accompagnato da gonfiori addominali la situazione è meno preoccupante. E', infatti, probabile che la causa della fitta sia la presenza di aria nello stomaco. In questo caso potrebbe essere sufficiente chiedere consiglio al farmacista, che potrà suggerire l'assunzione di efficaci rimedi naturali, come il carbone vegetale. Se, invece, le fitte compaiono all'improvviso insieme a diarrea è probabile che siano il sintomo di un'intossicazione alimentare che, a meno che si tratti di un vero e proprio avvelenamento, si risolve da sé, senza che ci sia bisogno di assumere particolari farmaci.

L'associazione fra fitte allo stomaco dolorose e diarrea può essere anche il sintomo di una gastroenterite, cioè di un'infezione che può essere causata da virus e batteri. Spesso anche questo problema si risolve da solo senza che ci sia bisogno di curarsi con dei medicinali. In altri casi potrebbero essere necessari farmaci o altri prodotti per bloccare i disturbi gastrointestinali.

Via | NHS choices
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail