Ecco i sintomi dell'emorragia cerebrale e le possibili cause

Emorragia cerebrale

L'emorragia cerebrale è un danno neurologico che si verifica per la rottura di un vaso arterioso a livello del cervello, con relativo versamento di sangue nel parenchina cerebrale. Questa è la causa più frequente di questa grave patologia che può provocare anche gravi danni al nostro organismo, soprattutto se non viene fermata in tempo.

Possono anche essere altre le cause che portano ad un'emorragia cerebrale, come la rottura di aneurismi o malformazioni artero-venose, tumori cerebrali, ictus ischemico che si trasforma in emorragia, complicanze in seguito all'uso di farmaci anticoagulanti, malattie emorragiche come leucenia, emofilia, piastrinopenie, ematomi.

Ma come ci si accorge di un'emorragia cerebrale in corso?

I sintomi dell'emorragia cerebrale sono improvvisi, non danno preavviso con malori o altri segnali esterni che possono indicare che ci sia qualcosa in atto. Possono evolvere in maniera decisamente rapida e a volte il paziente sviene prima di poter indicare uno stato di malessere in corso.

Solitamente l'emorragia cerebrale è accompagnata da mal di testa e vomito, situazione che può ben presto degenerare con perdita dei sensi, stato di coma, difficoltà a respirare, instabilità della pressione arteriosa, iperpiressia...

In caso di emorragia cerebrale bisogna immediatamente chiamare un'ambulanza e trasferire il paziente il prima possibile in ospedale, dove una TAC permetterà una diagnosi certa. In attesa dei soccorsi, fate in modo che sia in posizione supina, controllando attentamente il suo respiro e riferendo ai medici di eventuali problemi in questo senso, per valutare la necessità o meno di un'assistenza respiratoria meccanica con ventilatore.

Via | Wikipedia

Foto | © TM News

  • shares
  • Mail