Cancro: l’obesità diventerà presto il primo fattore di rischio per le donne

L'obesità potrebbe superare il fumo come causa principale prevenibile di cancro nelle donne entro i 25 anni. Ecco cosa emerge da un nuovo studio.

Cancro obesità

L'obesità potrebbe superare il fumo come causa principale prevenibile di cancro nelle donne entro i 25 anni. A suggerirlo è uno studio del Cancer Research UK, dal quale è emerso che uno su dieci nuovi casi di cancro femminile - circa 23.000 l'anno - saranno causati dall'eccesso di peso entro il 2035, solo 2.000 in meno rispetto al tabacco. L'innalzamento dei livelli di obesità unito al calo del tasso di fumo farà si che i due fattori si "scambino" di posto entro il 2043, quando 26.000 casi di cancro saranno causati dal girovita troppo largo.

Gli esperti ricordano inoltre che le donne sono più soggette a sviluppare tumori legati all'obesità rispetto agli uomini, con un rischio maggiore, in particolar modo, per quanto riguarda il rischio di cancro al seno e di quello all'utero. Essere in sovrappeso aumenta inoltre il rischio di 13 tipi di cancro, inclusi quello dell’intestino, del fegato e dei reni.

L'obesità è un'enorme minaccia per la salute pubblica in questo momento, e peggiorerà solo se non verrà fatto nulla. La riduzione del fumo

sottolineano gli autori dello studio

è motivo di festa. Mostra come decenni di sforzi per aumentare la consapevolezza sui rischi per la salute oltre a una forte azione politica, tra cui la tassazione, la rimozione della commercializzazione del tabacco e il divieto di fumare nei luoghi pubblici al coperto, hanno dato i loro frutti.

Tuttavia, come spiegano gli autori, come c'è ancora molto da fare per aiutare le persone a smettere di fumare, bisogna anche agire immediatamente per limitare l'ondata di tumori legati al peso e garantire che le proiezioni fatte dagli esperti non diventino mai una realtà.

via | DailyMail
Foto da iStock

  • shares
  • Mail