Perde la lente a contatto, la ritrova sotto la palpebra 28 anni dopo

Sembra impossibile, eppure questa è la strana storia di una donna di 42 anni, rimasta "attaccata" per 28 alla sua lente a contatto rigida

Lente a contatto

Sembra una leggenda metropolitana e invece la notizia è reale, condivisa sull'edizione di agosto della rivista medico scientifica BMJ Case Report. Una donna britannica, il cui nome resta un mistero, avrebbe perso una delle sue GAS permeabili 28 anni prima, per poi ritrovarla per caso completamente fissata all'interno della sua palpebra.

Ma facciamo un po' di chiarezza per capire come sia possibile perdere una lente a contatto e ritrovarla quasi 30 anni dopo. La signora era appena 14enne all'epoca dei fatti e stava giocando a badminton con indosso le sue lenti rigide, quando un volano le è arrivato dritto il faccia.

Non trovando più la sua lente sinistra e non avendo alcun tipo di sintomo che lasciasse intendere che si fosse nascosta dietro la palpebra, la signora ha pensato di averla persa nell'impatto. Tutto fino a qualche giorno fa, all'età suonata di 42 anni, quando la palpebra ha iniziato a gonfiarsi, mostrando una protuberanza sospetta.

Da una visita dall'oftalmologo, con annessa risonanza magnetica, la signora ha compreso solo mezza natura del problema. Il medico le ha infatti rivelato di avere una cisti sub palpebrale che andava rimossa chirurgicamente. Tanto si vedeva dai raggi, senza lasciar immaginare il resto.

Durante l'operazione di asportazione la cisti però si è rotta, mostrando il "tesoro" rimasto sepolto per anni, completamente inglobato nei tessuti. Era la famigerata lente a contatto sinistra che no, non era saltata via per colpa del volano in faccia, ma era invece strisciata sotto la palpebra.

Il fatto che la donna non abbia più usato lenti rigide dal momento dell'impatto, ha fatto sì che la GAS permeabile restasse lì indisturbata, non sospinta da altri corpi estranei rigidi. Sembra una burla e invece è tutto tragicomicamente vero.

Ora, una permanenza di 28 anni è assai rara, ma vi diciamo anche che non è affatto inusuale che le lenti a contatto migrino sotto il tessuto della palpebra a seguito di eventi traumatici e anche, diciamolo, di scarsa attenzione. L'anno scorso aveva fatto scalpore la notizia di un'altra donna in "strani affari" con le sue lenti a contatto, stavolta morbide.

Il suo medico ne aveva trovate ben 27 bloccate sopra il bulbo oculare. No, non è il caso di commentare. La signora deve aver trovato ridicolo il concetto di lente usa e getta, non è il caso di infierire.

Foto | iStock

  • shares
  • Mail