La gravidanza non causa aumento di peso a lungo termine

Prendere peso in gravidanza è normale, ma se la donna non ha esagerato i chili dovrebbero scomparire al termine dell’allattamento al seno.

istock-155144842.jpg

Un timore molto diffuso è quello di ingrassare a causa della gravidanza. È normale durante i nove mesi prendere peso, ma se non si esagera i chili non saranno a lungo termine. A sostenerlo è una nuova ricerca dell'Università di Canberra, in Australia, che suggerisce invece che i probabili fattori di aumento di peso siano la disoccupazione e la depressione.

Durante lo studio sono state coinvolte quasi 15 mila donne fra il 2008 e il 2013: sono stati misurati l’indice di massa corporea (Imc) prima e dopo la gravidanza e sono stati comparati i tassi di parto cesareo, di diabete gestazionale, di disturbi di pressione sanguigna e di problemi di salute neonatali. E non tutto, perché i ricercatori hanno anche seguito il peso di 8000 giovani donne sopra i 15 anni, comparando i risultati fra chi è diventata madre e chi no. La responsabile della ricerca, Cathy Knight-Agarwal, esperta di nutrizione, ha dichiarato:

"Abbiamo separato i dati delle donne che hanno avuto figli da quelli di chi non ne ha avuti, e abbiamo seguito i cambiamenti di peso nel corso di 15 anni. Le donne che hanno avuto figli non sono aumentate di peso in misura diversa da quelle che non ne hanno avuti".

Attenzione, le donne durante la gestazione non devono mangiare il doppio. Al massimo 300 calorie in più al giorno. È importante, in questa fase della vita, non prestare troppa attenzione alla quantità di cibo, ma alla qualità. E comunque dalla ricerca è emerso che nel corso dei 15 anni, la maggior parte delle donne ha guadagnato un po' di peso, ma la differenza fra chi ha avuto figli e chi non, è risultata insignificante. Ci sono altri fattori che hanno influenzato la forma fisica: depressione e disoccupazione.

Via | Ansa

  • shares
  • Mail