Sognare a occhi aperti mentre si guida è più comune di quanto pensi

Sognare a occhi aperti mentre si guida è più comune di quanto si pensi. Ma vi siete mai chiesti quali potrebbero essere i rischi per la nostra sicurezza? Ecco cosa emerge da un nuovo studio.

Guidare pensare

Viaggiare con la mente mentre ci troviamo alla guida della nostra auto è un fenomeno davvero molto comune, ma vi siete mai chiesti quali potrebbero essere i rischi di un comportamento del genere? A cercare di approfondire la questione è un nuovo studio pubblicato su Frontiers in Human Neuroscience, i cui autori spiegano che, generalmente, le fonti più evidenti di distrazione alla guida sono quelle esterne (come telefoni o altri dispositivi mobili), ma che anche sognare a occhi aperti potrebbe incidere sulla sicurezza al volante, poiché sognare a occhi aperti potrebbe ridurre la capacità di rispondere rapidamente a eventi imprevisti.

Per analizzare la questione, gli esperti hanno esaminato la frequenza con cui un campione di volontari viaggiava con la mente durante una simulazione di guida, e se tale comportamento potesse in qualche modo mettere a rischio la sicurezza del guidatore.

Per questo studio, i volontari hanno dunque utilizzato un simulatore di guida, collegandosi ad un sistema di monitoraggio elettrofisiologico per misurare l'attività elettrica nel cervello. Per cinque giorni di fila i volontari hanno completato due simulazioni di guida di 20 minuti lungo un tratto monotono di autostrada diritta, a una velocità costante, per imitare un percorso casa-lavoro. Durante l'esperimento, i volontari hanno sentito il rumore di un cicalino a intervalli casuali, e ogni volta che sentivano tale rumore, avrebbero dovuto segnalare se stavano sognando a occhi aperti o meno.

Ebbene, esaminando i dati gli esperti avrebbero scoperto che durante la guida simulata, la mente delle persone vagava molto (il 70% del tempo) e in media i volontari sarebbero stati consapevoli di essere distratti dai pensieri solo il 65% delle volte.

Far vagare la mente

spiegano gli autori dello studio

può essere una parte essenziale e inevitabile dell'esistenza umana. Può essere un modo per ripristinare la mente dopo una lunga giornata in ufficio. Quello che ancora non sappiamo è quanto sia pericoloso farlo mentre si guida. Sono necessarie ulteriori ricerche per capirlo.

via | ScienceDaily

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail