Psicologia: respirare aiuta anche ad affrontare la paura

La respirazione può influenzare la nostra memoria e la risposta alla paura? Ecco cosa emerge da un nuovo studio.

Respirare

Psicologia - La respirazione può influenzare la nostra memoria e regolare la nostra risposta alla paura. A suggerirlo è un nuovo studio pubblicato sul Journal of Neuroscience, i cui autori rivelano che la respirazione sincronizza l'attività nel cervello, e influenza la memoria e la nostra risposta ad eventi che fanno paura, a seconda che stiamo inspirando o espirando. Per giungere a tale conclusione, i membri della Northwestern University Feinberg School of Medicine di Chicago hanno reclutato circa 60 persone, ed hanno chiesto loro di partecipare a degli esperimenti per testare la funzione della memoria e la risposta alla paura.

Per il primo esperimento, i partecipanti hanno osservato delle immagini di volti che rappresentano paura o sorpresa, ed hanno indicato rapidamente quale emozione veniva rappresentata. Durante l’esperimento, gli esperti hanno esaminato i modelli di respirazione dei soggetti, ed hanno scoperto che quando i partecipanti inspiravano con il naso, tendevano a riconoscere più velocemente i volti spaventosi.

In un altro esperimento, i partecipanti hanno osservato immagini di diversi oggetti su uno schermo del computer, ed è stato poi chiesto loro di ricordare tali immagini in un momento successivo. I ricercatori hanno scoperto che i soggetti erano maggiormente in grado di ricordare le immagini quando inalavano, rispetto a quando espiravano. Il legame tra una migliore memoria e la respirazione sarebbe scomparso quando i soggetti respiravano attraverso la bocca.

Uno dei principali risultati emersi da questo studio è che c'è una differenza significativa nell’attività cerebrale nell'amigdala e nell'ippocampo durante l'inspirazione rispetto all’espirazione.

via | MedicalNewsToday

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail