Grounding: i benefici di camminare a piedi nudi

Camminare a piedi nudi fa bene alla salute e offre molti benefici, in particolare contro le infiammazioni.

Grounding o earthing: camminare a piedi nudi fa bene

Cos'è il grounding? Con il termine inglese grounding o earthing, ci si riferisce a una pratica considerata come una cura alternativa che consiste nel camminare a piedi nudi a contatto diretto con il terreno e in particolare con il potenziale elettrico della Terra.

Il potenziale di riferimento in elettrotecnica si chiama proprio ground e come sappiamo tutti gli impianti elettrici delle nostre case vengono messi a terra, ovvero collegati con la massa terrestre per evitare accumuli di potenziale elettrico, che potrebbero essere pericolosi. La messa a terra porta l'impianto elettrico allo stesso potenziale del terreno.

Questo è lo stesso principio che guida la pratica del grounding: i nostri corpi sono conduttori di energia e possono accumulare energia elettrostatica. Le nostre abitudini fanno sì che siamo spesso isolati dal terreno grazie alle suole in gomma delle scarpe. Anche le nostre abitazioni e le auto ci isolano dal terreno e in generale dal contatto diretto con la natura.

Secondo alcune ricerche l'accumulo di energia elettrostatica nutre le infiammazioni, facilitando l'instaurarsi di un'infiammazione cronica. Il contatto diretto con il terreno, camminando a piedi nudi anche per soli 40 minuti al giorno, è in grado di apportare benefici come la riduzione dell'energia elettrostatica e un decorso più veloce delle infiammazioni.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail