Attacchi di panico, 6 consigli per gestire le crisi

Come si possono affrontare e soprattutto gestire gli attacchi di panico. Ecco qualche importante consiglio.

young woman with her head in her hands

Gli attacchi di panico sono un problema serio, che possono essere scatenati da eventi traumatici. Sicuramente una prova importante con gli esami di maturità possono causare un carico di stress tale da poter scatenare anche in chi è già predisposto eventuali attacchi. Come si possono gestire queste crisi?

Prima di tutto riconosciamo i sintomi: ansia, difficoltà a respirare, palpitazioni, dolore al petto, senso di soffocamento, vertigine, brividi in assenza di febbre, nausea, dolori addominali e via così. Molto persone corrono al pronto soccorso preoccupare di avere un attacco di cuore e invece non è così, anzi non c’è nulla di realmente grave, anche se si sta malissimo.


  • Non è colpa mia. Questa è una frase che dovete ripetervi. Spesso subentra un forte senso di colpa, che non deve esserci. Gli attacchi di panico sono un disturbo serio e totalmente involontario.

  • Fate ampi respiri, se potete fare una passeggiata e staccate un po’. Distrarsi è un ottimo punto di partenza da applicare tutte le volte che sentite che il problema potrebbe riprensentarsi.


  • Fate un po’ di esercizio fisico, soprattutto per stancare il corpo e aiutarvi a riposare meglio.
  • Se sentite che è un problema serio e debilitante, parlatene con un medico. La psicoterapia è sicuramente la strada più efficace per elaborare e superare questo scoglio.
  • Ci può essere un aiuto farmacologico (antidepressivi, ansiolitici o betabloccanti), che però deve sempre essere prescritto dal medico.
  • L’ansia non si cura con il cibo, ma la dieta aiuta. Evitate di bere alcol, fumare o assumere droghe. Fate pasti leggeri e di qualità.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail