La garcinia cambogia funziona davvero? Ecco le proprietà e gli effetti collaterali

La garcinia cambogia è una pianta tropicale nota per avere proprietà dimagranti e per migliorare la circolazione.

garcinia-cambogia.jpg

La garcinia cambogia è spesso associata a trattamenti dimagranti o a integratori o creme per sconfiggere la cellulite, ma funziona davvero? Perché è così importante? È una pianta tropicale ricco di acido idrossicitrico (HCA). Alcuni studi stanno analizzando i meccanismi con cui questa pianta può influenzare il nostro metabolismo, per esempio impedendo i depositi di grasso, ma anche tenere bassi il colesterolo e i trigliceridi.

L’acido idrossicitrico è potenzialmente in grado di trasformare gli zuccheri direttamente in energia senza dar loro il tempo di accumularsi sotto forma di tessuto adiposo. Purtroppo queste sono ancora supposizioni. Non ci sono ancora studi completamente conclusi e non si è mai espressa sull’argomento l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA).

La garcinia va assolutamente evitate se si è allergici al frutto o intolleranti al principio attivo. Si può assumere ma per periodi molto ridotti, perché può causare nausea, malessere digestivo, bocca secca, vertigini e mal di testa. È meglio che le donne incinte o in fase di allattamento devono possibilmente evitare di prendere garcinia o integratori con questa sostanza. È inoltre sconsigliabile se si soffre di Alzheimer o altre forme di demenza, da chi assume farmaci per il diabete o statine per ridurre i livelli di colesterolo.

Foto | Pixabay

  • shares
  • Mail