Yoga e meditazione riducono il rischio di demenza

Fare yoga e meditare tiene alla larga il rischio di demenza. Ecco cosa emerge da una nuova ricerca.

Yoga e meditazione

Yoga e meditazione tengono alla larga il rischio di demenza. Questo è quanto emerge da un nuovo studio condotto dai membri della University of California-Los Angeles (UCLA), e pubblicato sul Journal of Alzheimer's Disease. Secondo quanto emerge dalla nuova ricerca, fare yoga e meditare per 3 mesi potrebbe effettivamente ridurre il rischio di decadimento cognitivo lieve negli adulti più anziani, condizione che potrebbe portare allo sviluppo della malattia di Alzheimer e di altre forme di demenza. Per giungere a tale conclusione, gli esperti hanno arruolato un campione di 25 partecipanti dai 55 anni di età in su.

Per un periodo di 12 settimane,14 dei partecipanti hanno preso parte a delle sessioni di yoga una volta alla settimana, ed hanno praticato delle tecniche di meditazione per 20 minuti al giorno. I restanti 11 partecipanti sono stati invece invitati a svolgere un’ora di attività volte a migliorare la memoria, come i cruciverba o i giochi al computer, per una volta alla settimana per un periodo di 12 settimane.

All'inizio e alla fine del periodo di studio i partecipanti hanno completato i test di memoria e sono stati sottoposti a risonanza magnetica funzionale (fMRI), per valutare le funzioni dell’attività cognitiva e del cervello.

Il team ha scoperto che in entrambi i gruppi si sono registrati miglioramenti nella capacità di memoria verbale, e nella capacità di ricordare i nomi e gli elenchi di parole. Inoltre, nel gruppo di yoga e meditazione si sarebbero registrati anche dei miglioramenti per quanto riguarda problemi come ansia e depressione, e per la capacità di gestire lo stress.

via | MedicalNewsToday

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail